Superman, i furbi e il passaggio a livello.

Leonardo Matera LiveYou - Cronaca
Andria - mercoledì 27 settembre 2017
Superman, i furbi e il passaggio a livello.

Da qualche mese, il passaggio a livello di Via Barletta , gestito dalla Ferrotramviaria – la società che ha fatto del silenzio su ciò che accade sulla tratta ferroviaria tra Andria e Ruvo una regola di vita, tanto da dotarsi di un motto “ Usi a trasportar tacendo”- si è reso protagonista della vita cittadina.

Si sono , infatti, registrati, soprattutto nelle ore di punta, numerosi episodi di chiusure immediatamente seguite da aperture repentine e altrettanto rapide richiusure ( a volte se ne contano anche tre o quattro) prima dell’arrivo del treno, con il conseguente spettacolo delle frenate e ripartenze di auto che si trovano a transitare e che nulla da invidiare hanno al Gran Premio di Montecarlo.

Capita spesso, così, che la semplice barriera ferroviaria si trasformi in un mostro in grado di sequestrare moto , auto e camion , di paralizzare mezza città grazie alla complicità del solito automobilista colto dalla sindrome di Superman (Più veloce della luce). Questa patologia colpisce alcuni conducenti i quali, transitando in prossimità del passaggio a livello e presumendo di riuscire a passare indenni tra le due sbarre che si stanno chiudendo, finiscono , nel migliore dei casi , col restare intrappolati.

Da quel momento, tutto si ferma. Il treno non parte, mentre la coda dei mezzi fermi al passaggio a livello, che continua a rimanere chiuso, raggiunge una lunghezza che si registra solo al casello del Brennero in corrispondenza dei grandi esodi. La situazione di stallo, che trasforma Via Barletta e le strade adiacenti in un quartiere di Bombay, con urla e strombazzamenti, dura fino a quando non intervengono i Vigili Urbani, i quali, oltre a badare agli automobilisti sempre più inviperiti, cominciano a intrattenere telefonate con il capostazione , a seguito delle quali le sbarre vengono riaperte per far passare solo l’automobilista intrappolato ( il novello Superman che considera il Codice della strada alla stessa stregua della Kryptonite) previa identificazione, multa e denuncia per interruzione di pubblico servizio, che subito dopo vengono richiuse.

Solo allora il treno passa e la vita può riprendere a scorrere serena.

Perché Ferrotramviaria, contravvenendo al giuramento di assoluto silenzio che contraddistingue le sue attività, non rende noto alla cittadinanza, attraverso uno strumento rivoluzionario -e a lei ignoto- chiamato comunicato stampa, che gli attuali dispositivi non consentono il transito del treno se un’autovettura rimane bloccata all’interno del passaggio a livello? I conducenti ( quelli normali, non i Superman né i furbi a cui ci pensa la Polizia Municipale) così saprebbero che le sbarre non sono in avaria ma vengono riaperte solo per far passare l’autovettura rimasta tra le due sbarre e subito dopo si richiudono.

Invece siamo costretti ad assistere e a subire questo circo, complici i soliti mentecatti che appena odono lo scampanìo accelerano anziché fermarsi, come prevede il codice, finendo col danneggiare sempre tutti gli altri cittadini.

Altri articoli
Gli articoli più commentati
Gli articoli più letti