Ripetute le segnalazioni

Si moltiplicano i tentativi di furto, è allarme sicurezza in città

Malviventi col volto travisato e armati, una serie di colpi nelle abitazioni private e nei garage. Un cittadino: «Si parla tanto di sicurezza delle nostre città ma mi sembrano soltanto proclami elettorali»

Cronaca
Andria venerdì 10 agosto 2018
di La Redazione
Furto in garage
Furto in garage © n.c.

Sono gravi ma stazionarie le condizioni del 45enne andriese che ieri, nel tentativo di sventare un furto d'auto, è stato investito dai ladri: scongiurato il rischio di paralisi a causa dello scoppio di una vertebra nell'impatto, l'uomo è ricoverato in Neurochirurgia presso l'ospedale "Bonomo", dopo esser stato sottoposto ad un delicato intervento, ma non è in pericolo di vita. Il fatto di cronaca, però, è solo l'ultimo di una lunga serie.

L'onda delinquenziale delle ultime settimane non si ferma dinanzi a nulla. Troppi i furti avvenuti all'interno del garage dei condomini e delle abitazioni private. Troppe anche le segnalazioni di tentativi di furto in pieno giorno nel bel mezzo del viavai della gente davanti ad attività commerciali, o alla periferia della città: alla nostra redazione, solo negli ultimi giorni, sono giunte due segnalazioni relative alle zone della Madonna dei Miracoli e dello stadio degli Ulivi. Il modus operandi è sempre lo stesso: i rapinatori scendono da una macchina probabilmente asportata precedentemente e con il volto travisato, armati di bastoni o pistole (vere o giocattolo non fa differenza dal momento in cui seminano terrore comunque tra i passanti), si dirigono verso l'auto parcheggiata e tentano di mettere a segno il colpo portando via l'autovettura.

In entrambi i casi il corpo non è andato a segno e testimoni raccontano che qualche passante ha tentato di inveire contro ed ha distratto i malviventi mettendoli in fuga.

Tornando invece ai garage e alle abitazioni private, il discorso cambia perché purtroppo i ladri hanno tutto il tempo di impossessarsi di varia refurtiva. Troppe le segnalazioni di gente che ha visto asportati dal proprio box auto alcuni alimenti messi a riposo come ad esempio l'olio o qualche attrezzo di valore in assenza di autovetture riposte all'interno. Addirittura, nella zona di via Da Villa, sono stati messi a segno diversi colpi quasi con un certo ordine: ignoti sono penetrati in un garage "al giorno", in ordine di numeri civici, portando via tutto ciò che potevano, dal cibo alle biciclette, in particolare da box non dotati di sistema di allarme. Soltanto ieri, come già detto sopra, abbiamo raccontato del triste epilogo di un nostro concittadino che ha tentato di evitare il furto delle autovetture dal suo garage ed è stato investito dai ladri i quali, nella manovra di uscita dallo stesso, non hanno pensato due volte a commettere il fattaccio.

Raccogliamo e pubblichiamo lo sfogo di un residente del quartiere Monticelli che scrive: «ormai episodi del genere sono all'ordine del giorno o meglio della notte. Si parla tanto di sicurezza delle nostre città ma mi sembrano soltanto proclami elettorali. Il Sindaco in primis dovrebbe vivere la città in cui lavora. Io personalmente finisco di lavorare molto tardi e rientrando a notte fonda noto che la città è completamente scoperta. Non si notano auto delle Forze dell'ordine in giro per la città e dobbiamo "ringraziare" qualche nostro vicino di casa che è agli arresti domiciliari e che abita nel nostro quartiere per far sì che qualche pattuglia passi da lì. Capisco che la questione assume una proporzione nazionale perché le forze dell'ordine sono in numero nettamente inferiore rispetto alle esigenze di una città di 100.000 abitanti, ma capisco anche che ci sono molte altre possibili strade percorribili per rendere più sicura la città.

Partiamo dai sistemi di videosorveglianza che o non ci sono oppure non sono in uso. Come mai? Basterebbero piccole attenzioni da parte di un'amministrazione che metta al primo posto i cittadini e non le beghe personali. Amministrare la città è una cosa seria e se c'è qualcuno che non l'ho ancora capito è sempre in tempo ad ammettere i propri sbagli e fare non un passo indietro ma qualche km per restare magari nella città in cui abita. Scusate questo mio sfogo ma lo reputo doveroso all'indomani di un triste episodio di cronaca che riaccende i riflettori sul tema della sicurezza nella nostra città. In ultimo e non in ordine temporale mi rivolgo a tutti coloro che dopo aver subito un incidente stradale si rivolgono a carrozzieri che si improvvisano anche mediatori in quello che è il cosiddetto mercato dei pezzi di ricambio rubati. Se soltanto imparassimo a non acquistarli evidentemente avremmo diminuito drasticamente il numero dei furti di auto. Come recita un famoso detto: non fare ad altri ciò che non vorresti fosse fatto a te».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Nico ha scritto il 10 agosto 2018 alle 22:04 :

    Questa città ogni anno la trovo sempre più sporca e sempre peggio. siamo nel 2018 e vedo gente che butta bottiglie di plastica vuote dai finestrini , genitori alla guida con bambini piccoli in braccio chiaramente senza cintura ,senza casco, e nei quartieri periferici le forze dell'ordine compreso i vigili mai visti. Mi piacerebbe fare due chiacchiere con il capo dei vigili se esiste o fanno a turno i pensionati spacciandosi per dirigente,oppure un comandante dei carabinieri per chiedergli se è normale in una città come andria devo lasciare la macchina in garage e andare a piedi per paura che la rubano Quello che è successo nel quartiere di monticelli è gravissimo,chiedo a chi governa questa città sindaco e forze dell'ordine di farsi un giro nei quartieri e vedere cosa succede Rispondi a Nico

  • Nanny ha scritto il 10 agosto 2018 alle 09:50 :

    Fate qualcosa. C'è tanta gente che vive sola in casa e con figli piccoli. Un po' di pattuglie in più. Non c'è sicurezza. Poi...stamattina leggevo aumento TARI! È la sicurezza che deve aumentare non la spazzatura diamine Rispondi a Nanny