Social

Andria - mercoledì 21 dicembre 2016 Attualità

E la politica cosa dice a riguardo?

Nuova tegola sull’ospedale di Andria: via anche oculistica, otorinolaringoiatria e nefrologia

Ieri la delibera del direttore generale Ottavio Narracci che ha rideterminato le strutture semplici e complesse dell'Asl Bat

Ospedale Bonomo © AndriaLive
di La Redazione

Nuova tegola sull’ospedale di Andria: il direttore generale Ottavio Narracci, con un atto interno alla Asl Bt (delibera n. 2710 del 19/12/2016), sulla scorta delle indicazioni contenute in una vecchia delibera regionale 1388 del 2011, ha deciso di provvedere alla rideterminazione delle strutture semplici e complesse.

Nella delibera si legge che «poiché in alcuni Dipartimenti non è possibile, al momento, individuare un numero di strutture complesse sufficiente a consentire le previste procedure di nomina dei relativi Direttori, questa Direzione Generale ritiene necessario operare in una logica di aggregazione delle funzioni di tipo inter-aziendale, rinviando ad una fase successiva la consultazione con aziende sanitarie viciniori per la condivisione di tale obiettivo».

Al di fuori del burocratese, ciò che colpisce è la perdita, per la nostra struttura, di tre reparti già “martoriati”, l’oculistica, l’otorinolaringoiatria e la nefrologia, così come si evince dagli allegati alla delibera stessa.

Andria, la città più popolosa della Bat, perde specialità di base giorno per giorno, a discapito del potenziamento di Barletta, nonostante le promesse di aumento dei posti letto.

E questo dovrebbe essere il percorso verso l’ospedale di 2° livello annunciato trionfalmente a livello regionale? E la politica cosa dice a riguardo?

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
4 Commenti
  • Riccardo ha scritto il 22 dicembre 2016 alle 09:54 :
    Non ci sono piu’ parole... E’ chiaro che svuotano Andria e passano tutto a Barletta....Grazie a tutti i politici andriesi
    giuseppe ha scritto il 22 dicembre 2016 alle 17:39 :
    hai ragione riccardo. Abbiamo dei politici assenti. Giorgino pensa alla poltrona e gli altri ai comodi loro. Vergognatevi. Gente di Andria è giunta l’ora di dire basta. Qui ci portano via l’ospedale. VERGOGNAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
  • Tommy ha scritto il 22 dicembre 2016 alle 19:44 :
    E basta con sto’ campanilismo. Ogni volta ci lagniamo sempre,vogliamo questo e quello. Quando ci "tolgono" piangiamo..quando "prendiamo" siamo i migliori...basta a piangere! Sembra che siamo la regina della Puglia.
  • luciano rella ha scritto il 30 dicembre 2016 alle 16:30 :
    alla fine rimarranno solo le poltrone all’ospedale di andria poltrone pagate profumatamente con le nostre tasse che dovrebbero servire a curarci, mentre le uniche e sicure cure che vengono effettuate sono quelle dei portafogli dei parassiti che stanno portando al totale decadimento della sanita’ pubblica. mi raccomando rivotateli
Chiudi Non visualizzare di nuovo