La nota

Andria e Matera: così vicine, così lontane

«Il titolo dell’Unesco non basta!» Il prof. Riccardo Suriano denuncia la mancanza di opere, provvedimenti ed interventi concreti affinchè Andria e il Castel del Monte diventino meta del turismo nazionale e internazionale

Attualità
Andria martedì 10 gennaio 2017
di LA REDAZIONE
Scolaresche al Castel del Monte
Scolaresche al Castel del Monte © n.c.

«In tutto il mondo Matera è nota come la città dei “Sassi”. Sono due i quartieri antichi: il Sasso Barisano e il Sasso Caveoso. Case scavate nel tufo abbarbicate lungo le ripide pareti della montagna. Civiltà rupestre antichissima presente in tutto il Sud europeo mediterraneo. Per secoli, in codeste case-grotte dimorarono i pastori e i braccianti della Lucania. La Matera moderna nacque solo nell'Ottocento. I Sassi furono abbandonati. Ma non abbattuti, né demoliti. E, oggi, rappresentano la testimonianza della civiltà contadina del tempo che fu.

In tutto il mondo Andria è nota grazie a Castel del Monte, il "colosseo" del medioevo, il bel maniero ottagonale voluto da Federico 2° di Svevia, imperatore. Un dono alla nostra città per la sua granitica fedeltà al “Puer Apuliae”, durante le lotte sanguinose e violente tra lo stesso Federico 2° e i signori feudatari tedeschi e le città ribelli della Lega lombarda.

Nel 1996 Matera divenne patrimonio mondiale dell'Unesco. Castel del Monte nel 1993. Come due atleti che partono insieme al segnale dello start ma subito si crea la differenza tra i due: vola chi è più forte, arranca, fa fatica e resta indietro chi è più debole.

Così Matera e Andria. Matera prende il volo: una intensa attività di recupero, di restauro, di valorizzazione, di riuso dei Sassi esplode. Erano abbandonati, ora invece si ripopolano di gente d'ogni età e d'ogni condizione. Si aprono numerose botteghe artigiane. Si trasferiscono negozi d'ogni genere. Aprono numerose gallerie d'arte. Si organizzano incontri, convegni, tavole rotonde nazionali e internazionali. Si girano film nazionali e internazionali (come "Passion" di Mel Gibson). Il volto di Matera cambia: i Materani stessi diventano più attivi, più intraprendenti, più orgogliosi di se stessi. Cresce l'autostima e crescono tutti i materani.

Di contro, dopo la consacrazione dell'Unesco, cosa succede ad Andria? La situazione non cambia, la città è rimasta al palo, come si dice in gergo sportivo. Andria non è mai partita di forza e coraggio per raggiungere livelli ambiziosi.

La classe politica si è bloccata al titolo di Castel del Monte patrimonio mondiale dell'Unesco. Forse qualche segnaletica stradale in più, null'altro. Nulla è stato mosso perchè Castel del Monte e Andria diventassero meta del turismo nazionale e internazionale. Diciamo la verità: tutti sappiamo di che cosa si sono occupate la vecchia e la nuova classe politica. La preoccupazione maggiore è stata il tentativo di accaparrarsi della gestione dell'area di parcheggio ai piedi di Castel del Monte. 

Matera e Andria: che differenza! Due città, due opposti destini! Senza dubbio più lungimirante la città di Matera: è stata capace di trasformare i “Sassi” tanto da renderli degni del titolo conquistato. Dirò di più: il capoluogo lucano è stato eletto capitale europea della cultura, battendo città del valore di Assisi, Siena, e persino Lecce.

Così lontana, immobile, spenta la nostra città! Il titolo dell'Unesco non basta! Occorrono opere, provvedimenti, interventi concreti di chi amministra la città.

Purtroppo siamo alle solite: la cultura non si vende, né si acquista al supermercato. La cultura si acquista con lo studio serio e tenace, l'impegno costante e duraturo, le competenze e le abilità specifiche, con la passione e l'orgoglio della propria terra d'origine. Questa è la sorte di Andria».

Lascia il tuo commento
commenti