Social

Andria - venerdì 17 febbraio 2017 Attualità

La denuncia

Call center e finte collaborazioni, una delle facce della precarietà nella Bat

Tre euro all’ora, otto o nove ore di lavoro al giorno. Quando va bene, un contratto di collaborazione che è invece a tutti gli effetti subordinato ma privo di qualsiasi tutela

Un call center © n.c.
di La Redazione

Tre euro all’ora, otto o nove ore di lavoro al giorno. Quando va bene, un contratto di collaborazione che è invece a tutti gli effetti subordinato ma privo di qualsiasi tutela: senza diritti previdenziali o assistenziali, senza ferie maturate o permessi ed in una condizione caratterizzata da un forte ricatto occupazionale. Un gruppo di addetti di un call center ha deciso di denunciare, anche alla Guardia di Finanza, la propria situazione lavorativa fatta di irregolarità e di sommerso.

«Si tratta – spiega Vincenzo Montrone, segretario generale della Slc Cgil Bat – di lavoratori di call center che operano anche per grandi aziende, sono venuti a chiederci aiuto perché ciò che svolgono è praticamente una vera e propria attività a cottimo: l’unica cosa che conta in scenari come questi sono gli obiettivi da raggiungere, ovvero il numero delle persone da contattare obbligatoriamente al giorno ed il tempo da trascorrere con loro al telefono».

Il segretario generale della Cgil Bat, Giuseppe Deleonardis, parla di «una situazione dilagante nel territorio, come nel caso di un call center presente a Barletta e Bisceglie che conta oltre 100 dipendenti. All’interno di molti di questi call center applicano contratti pirata firmati con organizzazioni sindacali non rappresentative a livello nazionale utilizzando tipologie contrattuali in deroga alle normative. Siamo di fronte ad un’altra faccia della precarietà nel territorio che, come abbiamo già avuto modo di denunciare, è fatta in molti settori di nero, sommerso ed irregolarità. Approfittiamo di questa occasione per lanciare un appello ai lavoratori: bisogna denunciare perché solo così possiamo vincere la battaglia contro lo sfruttamento e per i diritti che come Cgil abbiamo messo in campo. Ci rivolgiamo anche agli organi ispettivi, servono più controlli altrimenti è tutto inutile».

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
1 Commento
  • giovanni alicino ha scritto il 17 febbraio 2017 alle 21:48 :
    I sindacati di tutto questo sono perfettamente a conoscenza anzi si può dire anche complici perchè tacciono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo