La novità

Il primo Questore donna di Trieste è andriese

Si tratta di Isabella Fusiello, 57 anni, già Questore di Reggio Emilia e con una carriera davvero impressionante

Attualità
Andria domenica 05 novembre 2017
di La Redazione
Isabella Fusiello
Isabella Fusiello © n.c.

Cambio al vertice della Questura di Trieste: per la prima volta arriva una donna, ed è andriese. La dirigente Isabella Fusiello, originaria di Andria e bolognese di adozione, è stata promossa e assumerà la guida della questura di Trieste nelle vesti di reggente.

Isabella Fusiello, nata ad Andria nel 1960, laureata in giurisprudenza presso l’Università degli studi di Bari, nel 1985 è entrata nell’Amministrazione della Pubblica sicurezza in qualità di commissario della Polizia di Stato. Ha ricoperto il primo incarico presso la Scuola CAIPS di Abbasanta per poi essere assegnata alla Questura di Nuoro, inizialmente presso la Divisione anticrimine – Sezione misure di prevenzione, e successivamente come dirigente della Divisione Polizia amministrativa e sociale.

Nell’estate 1989 è stata trasferita alla Questura di Bologna con incarico di dirigente dell’Ufficio Immigrazione sino al novembre 2002. Grazie all’esperienza maturata a Bologna è stata successivamente chiamata a dirigere la Divisione stranieri presso il Dipartimento della P.S. a Roma.

Dopo il corso di formazione dirigenziale ha ricoperto incarichi dirigenziali come dirigente del Commissariato di Pubblica sicurezza di Imola; direttore della Divisione Stranieri presso la Direzione centrale dell’Immigrazione e delle Frontiere; dirigente della Polizia di Frontiera aerea presso lo scalo aeroportuale G. Marconi di Bologna; nominata vicario del Questore di Ferrara nel 2009, dopo aver frequentato l’Alto Corso di formazione per le forze di Polizia è stata nel 2012 nominata dal capo della Polizia Questore di Cuneo. Dal 1 agosto 2014 era Questore di Reggio Emilia.

Ora il nuovo incarico prestigioso per una nostra concittadina dalla tenace volontà e dalla brillante preparazione.

Alla neo Questore le congratulazioni della redazione.

Lascia il tuo commento
commenti