Gli auguri

Natale, l'egemonia dell'amore

Nel videomessaggio le nuove povertà e il monito: «Non si mette a posto il cuore con la "pacco terapia" o con i pranzi e le cene di Natale offerte ai poveri...»

Attualità
Andria lunedì 25 dicembre 2017
di Geremia Acri
il presepe allestito all'interno della curia vescovile
il presepe allestito all'interno della curia vescovile © AndriaLive

Natale non è sentimento o un’emozione. Natale è la memoria della venuta di Dio in mezzo a noi, nella nostra storia che è fatta di tanta bellezza, di tante attese ma anche di contraddizioni e di incoerenze. Natale è la consapevolezza di stare dentro la storia, di considerarla nostra, di immergerci nella vita di oggi, per portare la forza di rinnovamento di una carità redentrice.

Umanità e universalità sono i valori che segnano il compimento di Cristo fattosi carne per noi. Ritrovare la relazione con l’altro, riconosciuto fratello e sorella, ci potrebbe aiutare a "scendere dagli scanni, dai piedistalli, dalle cattedre…" e andare incontro a ogni uomo: superare la cultura dell’eliminazione, dell’esclusione, del residuo e del momentaneo e far dominare la legge dell’amore.

Buon Natale!

Lascia il tuo commento
commenti