La denuncia

Caro Sindaco...

Lettera aperta al primo cittadino da parte di una studentessa andriese la cui madre assiste anziani a domicilio per conto di una cooperativa sociale andriese che, come tante, non riceve soldi dal Comune da tempo

Attualità
Andria giovedì 15 febbraio 2018
di La Redazione
la lettera
la lettera © n.c.

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta di una giovane studentessa andriese, indirizzata al Sindaco Giorgino, che denuncia lo stato in cui versano le cooperative sociali andriesi, non in linea con il pagamento degli stipendi ai dipendenti conseguentemente alla mancata erogazione di quanto dovuto da parte del Comune di Andria alle stesse cooperative che offrono servizi essenziali alla persona:

«Caro Sindaco,
sono una delle tante persone che soffre a causa della negligenza con cui guida la macchina amministrativa. Sono la figlia di una donna che riceve uno stipendio “occasionale”. Mia madre lavora presso una cooperativa sociale ONLUS di Andria, lei come i suoi colleghi presentano arretrati di circa 9 mesi e combattono ogni giorno per non finire nella miseria. I miei genitori sono divorziati e perciò siamo costrette, viste le condizioni economiche, a vivere con i miei nonni che ci permettono di condurre una vita pressoché dignitosa.

Per colpa della cattiva gestione dei soldi pubblici non solo non riusciamo ad arrivare a fine mese, ma io riesco a vedere mia madre solo la sera o talvolta non la vedo proprio, poiché oltre a questo lavoro è costretta a farne altri anche fuori città, per garantire il mio benessere e non farmi mancare niente.

Sa, io la ammiro perché donne come lei dovrebbero inventarle, esce di casa la mattina alle sette e torna alle otto di sera, a volte senza neanche un attimo di pausa e questo solo perché, nonostante tutte le tasse che noi cittadini siamo costretti a pagarle, non riesce a stipendiare dei lavoratori onesti che si fanno in quattro per garantire un piatto sulla tavola alle loro famiglie.

Cosa faremo quando i miei nonni non ci saranno più? Dove andremo a finire? Egregio signor Sindaco, spero che dopo aver letto queste parole capisca che deve agire, la cooperativa è sull’orlo del baratro e solo lei potrebbe fare qualcosa per far sì che la mia famiglia come tante altre non finisca a vivere per strada. Non crede che dovrebbe volgere la sua attenzione sulla condizione di questi lavoratori, immedesimandosi nelle loro situazioni? Ah già, lei non può capire.

Distinti saluti.

Una ragazza infelice»

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • A.F. ha scritto il 16 febbraio 2018 alle 20:00 :

    Anche io e mia moglie siamo nella situazione, lavoriamo con la stessa cooperativa e siamo in ritardo con i stipendi..... che dire speriamo che la nostra amministrazione si dia una mossa! Rispondi a A.F.

  • sabino cannone ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 15:57 :

    Si nascondono, come vigliacchi, dietro la fatidica frase "dobbiamo rispettare il patto si stabilità interno" oppure "non ci sono soldi", e mica l'ha detto il medico di fare il sindaco! Da buon avvocato qual'è dovrebbe ribellarsi al governo centrale e ricorrere in via giudiziale presso il tribunale e dichiarare il PSI illegittimo e incostituzionale, altro che "ce lo chiede l' Europa". C'è un precedente di sentenza di Consulta che ha dichiarato incostituzionale le esigenze di equilibrio di bilancio di un ente pubblico "regionale" a favore dei servizi essenziali previsti dall'art. 32 della Costituzione la n. 275/2016. Vadino a casa lor signori sindaci vi siete vestiti da veri e propri curatori fallimentari. Ad Andr s' duic " U' sazj nàn crait a k'dd a d'sciun" Rispondi a sabino cannone

  • Anonimo ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 15:02 :

    Anch'io lavoro in una cooperativa e non percepisco stipendio da mesi. È una vergogna! Rispondi a Anonimo

  • Delc ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 13:05 :

    Questo succede perché Non tutti( forse) paghiamo le tasse.O non è vero? Rispondi a Delc

  • Giovanni alicino ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 12:20 :

    Non ho parole. Rispondi a Giovanni alicino

  • Lamesta Domenico ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 12:00 :

    Secondo voi capira' il nostro sindaco e non solo??? Rispondi a Lamesta Domenico