L'intervista

Le tele di Dino Sambiasi per festeggiare il "compleanno" di Giorgia Lomuscio

L'intervista a papà Giuseppe e all'artista brindisino che ha donato 50 litografie all'associazione dell'opera "Inizio ore 18.30" il ricavato della vendita delle stesse contribuirà a sostenere la ricerca sui tumori infantili

Attualità
Andria giovedì 01 marzo 2018
di La Redazione
Le tele di Dino Sambiasi per festeggiare il
Le tele di Dino Sambiasi per festeggiare il "compleanno" di Giorgia Lomuscio © AndriaLive

Il 27 febbraio 2018, la piccola Giorgia Lomuscio avrebbe compiuto 15 anni. Una data importante per mamma Carla e papà Giuseppe che non hanno voluto rinunciare a ricordare la loro figlia “nata in cielo” il 30 luglio del 2016.

Presso la sede dell’associazione di viale Roma, ad Andria, si è svolto un evento celebrativo. Sebbene la città fosse imbiancata, nulla ha potuto ostacolare il lancio di 15 palloncini liberati nel cielo nuvoloso di Andria mentre un 16esimo, a forma di cuore, ha tentennato un po’ prima di volar via, quasi a ricordarci a tutti noi della sua meravigliosa presenza. Sempre.

L’incontro è stato colorato dalla personale di pittura dell’artista brindisino Dino Sambiasi, che ha deciso di dare il suo contributo alla causa mettendo a disposizione dell’associazione 50 litografie della sua opera intitolata "Inizio ore 18" il cui ricavato servirà per favorire la ricerca sul Sarcoma di Ewing. È possibile contattare l'associazione per ottenere maggiori informazioni in merito.

La tela che più ha colpito i partecipanti è la stessa che l’artista ha donato lo scorso anno alla famiglia Lomuscio e che raffigura Giorgia sorridente con accanto la sua chitarra su uno sfondo colorato che infonde serenità e richiama la sua presenza, seppur non fisica.

“Vorrei essere come il vento libera di fare ciò che per me è giusto, facendo toccare il cielo alle foglie ormai cadute”. Questa è la frase toccante con la quale Giorgia chiude l’ormai “famoso” tema scolastico scritto il 17 dicembre 2015, quando non era ancora a conoscenza della sua malattia. E con questo testamento spirituale vorremmo lasciarvi riflettere sull’importanza dell’amore che vince su tutto. L’amore degli associati, nel continuare imperterriti a divulgare la storia di Giorgia e ad aiutare la ricerca è una bella storia che tutti devono conoscere!


______

Articolo scritto da Luciana Rubini, Martina Loconte, Giorgia Lamorte, Matilde Santovito, Martina Lapi del liceo classico C. Troya.

Lascia il tuo commento
commenti