Tantissime le piantine distribuite nelle scuole e negli altri punti d'incontro

I numeri della solidarietà: il Calcit racconta una settimana di beneficenza

Una raccolta fondi a favore di un obiettivo ambizioso: una borsa di studio per la specializzazione in Oncologia

Attualità
Andria mercoledì 16 maggio 2018
di La Redazione
Fiori del Calcit
Fiori del Calcit © n.c.

«La generosità degli andriesi si è confermata». È questo il commento del dott. Nicola Mariano, presidente del CALCIT (Comitato Autonomo Lotta Contro i Tumori), al termine di una settimana di volontariato che ha portato grandi risultati in termini di raccolta fondi. Il Comitato, tutto andriese, come da trentennale tradizione, ha avviato una raccolta fondi a favore di un obiettivo ambizioso: una borsa di studio per la specializzazione in Oncologia.

Per raggiungere l’obiettivo, l’associazione ha coinvolto innanzitutto le scuole. «Il Calcit è nato in una scuola - ricorda il dott. Mariano - la Vittorio Emanuele III, in memoria del prof. Domenico Forte. A lui è dedicato l’auditorium della scuola. Il legame fra il Calcit e le scuole è forte». I bambini delle scuole di Andria hanno potuto così acquistare le piantine fiorite del Calcit. I volontari dell’associazione ne hanno distribuite circa 2500 in una sola mattinata, dall’istituto Verdi – Cafaro, fino alla Salvemini - Imbriani. «A prescindere dalla raccolta fondi, è stato bellissimo vedere i bambini uscire da scuola al suono della campanella con la pianta in mano. La prima cosa che avevano in mente era quella di regalare un fiore alle loro mamme che li aspettavano all’uscita».

Grazie al supporto della Diocesi di Andria, coordinato dal consigliere spirituale dell’associazione, Don Sergio Di Nanni, e alla generosità di tante comunità parrochiali, il Calcit ha distribuito in sei punti d’incontro della città circa 500 piante. Ortensie, azalee, begonie, rose, dalie, per fare del bene c’era l’imbarazzo della scelta. Oltre all’ottimo riscontro del banchetto di Viale Crispi, il Calcit ha raccolto fondi e nuovi iscritti nelle parrocchie di S. Giuseppe Artigiano, S. S. Sacramento, S. Andrea, S. S. Salvatore e nella parrocchia della Madonna dell’Altomare. «Ci hanno messo a disposizione gli spazi, tavoli e sedie e anche alcuni parrocchiani ci hanno aiutato con la raccolta», conclude il dott. Nicola Mariano, presidente dell’associazione.

Tremila piante fiorite in tutto. Un aumento significativo di fiori e fondi rispetto al 2017. L’obiettivo dello scorso anno si è completato con l’acquisto a febbraio di uno spirometro, utile a misurare la funzionalità respiratoria, soprattutto per quei pazienti con malattie respiratorie o sintomi ostruttivi o restrittivi delle vie aeree. Lo spirometro è stato donato all’ambulatorio solidale “Noi con Voi” di via Pellegrino Rossi 14, progetto che vede come partner il Calcit, assieme all’associazione Giorgia Lomuscio, la Misericordia di Andria e l’Associazione Stomizzati.

Quest’anno l’obiettivo è più ambizioso. Oltre a sostenere economicamente i malati oncologici indigenti, pietra angolare dell’azione di beneficenza del Calcit, l’associazione ha voluto puntare su due obiettivi: il “progetto oncologico”, in collaborazione con l’associazione GABB di Modugno, rivolto ai bambini che vivono in una zona ad alta radioattività in Bielorussia; e la borsa di studio per formare un giovane specializzando. Meglio se andriese.

Lascia il tuo commento
commenti