La denuncia

Materassi abbandonati per strada: la denuncia

«No, non sono degli animali. Un animale tende a marcare il territorio in cui vive e a difenderlo dagli altri intrusi. Questi esseri viventi, invece, distruggono il territorio in cui vivono»

Cronaca
Andria lunedì 06 novembre 2017
di La Redazione
Materassi abbandonati all’angolo tra via Ferrante Aporti e via Capponi
Materassi abbandonati all’angolo tra via Ferrante Aporti e via Capponi © n.c.

Ennesima denuncia di abbandono incivile di rifiuti ingombranti. Questa volta da parte di un nostro utente che, con tono ironico, punta il dito contro il “selvaggio” di turno che, in aggiunta, palesa chiaramente una sua condizione igienica inqualificabile. Il racconto di denuncia riguarda l’abbandono scriteriato di due materassi all’angolo tra via Ferrante Aporti e via Capponi:

«Tra noi si aggirano degli esseri viventi che cercano in ogni modo di assomigliarci. Vestono come noi, si muovono come noi, ma appena girano l’angolo mostrano tutta la loro inciviltà.

No, non sono degli animali. Un animale tende a marcare il territorio in cui vive e a difenderlo dagli altri intrusi. Questi esseri viventi, invece, distruggono il territorio in cui vivono riempiendolo con i propri rifiuti.

Non hanno neanche il dono della parola. Si esprimono con semplici versi: “u…u...u…” e in alcuni casi, prevalsi da un minimo di intelligenza, riescono anche a pronunciare dei monosillabi: “i-ooooo……i-ooooo.”

Figuriamoci, se questi esseri viventi devono cercare, leggere, su una semplice rubrica telefonica e comporre il numero di telefono della ditta preposta alla raccolta di rifiuti ingombranti e porre una semplice domanda: “Dove butto i materassi?”

Perché porsi delle domande inutili!

Basta andare in pieno centro, girare l’angolo e buttarli.

In questo modo non ci mettono la faccia, ma sicuramente ci mettono la firma: il sudiciume. Basta guardare in che condizioni sudice versano i due materassi.

Strano, che in tutto quel sudiciume sia riuscito a distinguere moglie e figli e che non li abbia buttati insieme ai materassi.

P.S. I materassi ringraziano per non dover più subire il sudiciume dei loro utilizzatori e per poter respirare un po’ d’aria pulita».

Lascia il tuo commento
commenti