Il fatto

Corruzione, indagato l'assessore all'ambiente Filippo Caracciolo

Le indagini su Caracciolo riguardano un filone d'inchiesta su Arca Puglia

Cronaca
Andria mercoledì 07 febbraio 2018
di La Redazione
Emiliano e Caracciolo
Emiliano e Caracciolo © n.c.

L'assessore regionale pugliese all'Ambiente, Filippo Caracciolo, candidato del Pd alla Camera in un collegio uninominale, è indagato per corruzione e turbativa d'asta nell'ambito di una indagine della Procura di Bari su una gara d'appalto per 5,8 milioni di euro per la costruzione di una scuola media a Corato.

L'indagine, nell'ambito della quale la guardia di finanza ha compiuto perquisizioni nell'ufficio e nell'abitazione di Caracciolo, è un filone dell'inchiesta sull'Arca Puglia che il 5 dicembre scorso ha portato, tra l'altro, all'arresto dell'imprenditore Massimo Manchisi, titolare dell'impresa che sarebbe stata favorita dall'intervento di Caracciolo. La notizia è riportata da alcuni quotidiani.

Secondo l'ipotesi d'accusa, Caracciolo avrebbe indotto il presidente della commissione aggiudicatrice della gara, Donato Lamacchia, a favorire l'impresa di Manchisi, ottenendo da quest'ultimo la promessa di appoggio per le prossime elezioni.

Lascia il tuo commento
commenti