Il fatto

Auto carbonizzate, rifiuti abbandonati e tralicci depredati dal rame nelle campagne andriesi

Le segnalazioni delle ronde dei Volontari federiciani

Cronaca
Andria mercoledì 14 febbraio 2018
di La Redazione
Auto carbonizzate, rifiuti abbandonati e tralicci depredati dal rame nelle campagne andriesi
Auto carbonizzate, rifiuti abbandonati e tralicci depredati dal rame nelle campagne andriesi © n.c.

La ronda dei Volontari Federiciani, guidata dal Responsabile Prof. Francesco Martiradonna, durante un controllo in alcune zone del territorio, martedì 13 febbraio, ha rinvenuto delle auto carbonizzate in alcune Contrade dell’agro cittadino.

In particolare una Ford Fusion diesel è stata rinvenuta, in Contrada Abbondanza, col motore diesel asportato e incendiata. Il fuoco ha anche bruciato le chiome di molti degli alberi circostanti. Altre due auto, una in Contrada Ponticello di Femminamorta e l’altra in Contrada Pontalfelli, sono state rinvenute dai Volontari Federiciani, entrambe “cannibalizzate”.

Inoltre, sono stati rinvenuti rifiuti di varia natura, alcuni dei quali riciclabili: in particolare durante il percorso di ronda sulla via Vecchia Spinazzola hanno segnalato che in alcuni punti, in direzione Bosco di San Agostino, alcuni tralicci di filo sono stati abbassati, presumibilmente per privarli del rame.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Riccardo Nanni ha scritto il 15 febbraio 2018 alle 15:50 :

    Quando smetteremo di leggere sempre brutte notizie dalla mia città?? Vogliamo deciderci a diventare civili? Possibile che nessuno veda e senta? Nessuno che denuncia?. Vergogna unica Rispondi a Riccardo Nanni

  • Stella ha scritto il 14 febbraio 2018 alle 17:46 :

    Povere auto e poveri proprietari .Anche a me stamattina è toccato piangere perché non ho trovato la mia è le forze dell'ordine sempre attente e grazie ai satellitari me l'hanno trovata non lontano da casa 😢😢😢 Rispondi a Stella

  • Leo Castellano ha scritto il 14 febbraio 2018 alle 16:12 :

    E poi ci lamentiamo dei molti ...troppi casi di tumori che ci stanno colpendo... Rispondi a Leo Castellano