La nota a firma di Felice Pelagio, Segretario Generale della Flai CGIL Provinciale

Consorzio per la Burrata di Andria, Flai Cgil Bat: «Un grande risultato»

La richiesta: sulla valorizzazione e qualità delle produzioni e del lavoro il Sindaco si faccia promotore di un incontro tra la Flai e le aziende del Consorzio

Politica
Andria venerdì 17 febbraio 2017
di La Redazione
burrata di Andria © n.c.

Una nota per esortare il Sindaco a farsi promotore di un incontro tra la Flai Cgil e le aziende del consorzio Burrata Igp: così Felice Pelagio, Segretario Generale della Flai CGIL Provinciale, affida a una nota alcune riflessioni.

«Leggiamo con vivo interesse che è stata ufficialmente pubblicata nella G. U. dell'U.E. serie L. 327 del  2 dicembre  2016 la nascita del Consorzio per la tutela e la valorizzazione della Burrata di Andria Gip (denominazione iscritta nel registro delle denominazioni di origine protetta dall' U.E.), riconoscendo il ruolo, l'impegno e la partecipazione messa in atto dagli imprenditori del lattiero caseario della Provincia Bat per la relativa  certificazione  della normativa. Riteniamo altresì importante la disponibilità dell'Amministrazione Comunale per essere punto di riferimento per la costituzione del Consorzio dell'Associazione produttore della burrata.

La Flai Cgil Bat - prosegue Pelagio - crede che questo rappresenti l'inizio di un grande risultato perché Igp, oltre ad essere elemento di qualità e d'identità del territorio delle produzioni e trasformazione dei prodotti caseari, rappresenta valore aggiunto in termini economici-sociali e di sviluppo produttivo del territorio. Ricchezza economica, soprattutto, per quelle aziende sane che vogliono stare sul mercato in piena trasparenza e legalità non solo per gli operatori commerciali, ma anche nei confronti di chi lavora e trasforma il prodotto assumendo responsabilmente le politiche di valorizzazione dei prodotti tipici e dei marchi, i rapporti con la distribuzione e la qualità del lavoro.

É dunque compito delle parti favorire le aziende sane difendendole dal dumping e ostacolare la cultura dell'illegalità che provocherebbero danni all'immagine della produzione della qualità proprio per quelle aziende che hanno scelto la via della competizione e del rispetto e della tutela del consumatore e dei diritti dei lavoratori dipendenti, in particolar modo quando è evidente la principale fonte d'indicazione geografiche protette dell'U.E.  E' caratteristico, quindi, per il Consorzio e le imprese  casearie valorizzare il prodotto, attraverso anche le Istituzioni Nazionali, Regionali e Provinciali per attingere risorse alle misure previste dai Bandi concernenti il PSR e al FESR e investimenti pubblici necessari per valorizzazione le produzioni dei marchi di qualità affermando anche l'eticità del lavoro attraverso il rispetto delle norme in materia di lavoro.

Tra l'altro riteniamo - conclude il Segretario Generale della Flai - che sia giusto e doveroso, vista la molteplice presenza di tanti caseifici Andriesi, e una buona presenza di lavoratori dipendenti, riconoscere a ognuno, parte sindacale e imprenditoriale il ruolo e il rispetto sui temi di comune interesse dalle buone relazioni industriali alla centralità al Contratto dell'Industria Genere alimentare che coniughi un mercato competitivo e i diritti e il rispetto delle leggi in materia di lavoro. Per tali ragioni sui temi della valorizzazione e qualità delle produzioni, e del lavoro chiediamo al Sindaco di Andria Avv. Nicola Giorgino che si faccia promotore di un incontro con la scrivente e con le aziende firmatarie del Consorzio per lo sviluppo del settore».

Lascia il tuo commento