La nota

Discarica, M5S: «La maggioranza non risponde mai a nulla, sa solo ripetere che è colpa del passato»

I pentastellati rispondono alle accuse: «L’attuale maggioranza amministra da 8 anni e noi, sull’argomento discarica di San Nicola La Guardia, abbiamo ripetutamente richiamato il Comune, Provincia e ARO rifiuti ad intervenire

Politica
Andria sabato 13 gennaio 2018
di La Redazione
discarica San Nicola La Guardia
discarica San Nicola La Guardia © AndriaLive

«Apprendiamo dagli organi di informazione della ricomparsa della maggioranza ad Andria, eclissatasi negli ultimi mesi a causa delle attese dimissioni del Sindaco per candidarsi al Parlamento, aspirazione poi stroncata dalla mancata proroga. Rileviamo pero’ che il vizio di giustificare le proprie mancanze cercando di scaricare le responsabilità su altri è quello di sempre.

L’attuale maggioranza amministra da 8 anni e noi, sull’argomento discarica di San Nicola La Guardia, negli ultimi anni, con il nostro parlamentare uscente, con la nostra consigliera regionale Grazia Di Bari, con il capogruppo Michele Coratella e con tutto il gruppo consiliare andriese abbiamo ripetutamente richiamato il Comune, come anche la Provincia e l’ARO rifiuti, presiedute tutte dalla stessa persona, ad intervenire.

Sostanzialmente nulla è stato fatto, anzi, il 16 marzo 2017, pochi giorni prima la clamorosa chiusura della discarica comunale da parte della Regione, nella 5^ Commissione Consiliare la maggioranza, rispetto ai nostri ennesimi rilievi, accennava a “nessun allarmismo”.

Eppure da anni avevamo evidenziato che: le polizze assicurative per la bonifica della discarica dopo la chiusura erano da verificare; la situazione ambientale della discarica, come evidenziato da Arpa, era da tempo problematica ed il Comune di Andria, come proprietario, sarebbe dovuto intervenire; vi erano perplessità sulla solvibilità del gestore, che tra l’ altro non versava al Comune di Andria il dovuto appena dal 2010, perplessità poi purtroppo confermate, per cui affermare che i soldi che anticiperanno i cittadini poi saranno recuperati dal gestore in disarmo sa di beffa; non si avevano notizie dei fondi, supponiamo diversi milioni di euro, accantonati negli anni sempre per la gestione dopo la chiusura. Al riguardo abbiamo chiesto in sedi ufficiali contezza di tale “tesoretto”, ma siamo in attesa di una risposta dall’ARO2BT appena dal 8 Novembre u.s.. Eppure i due quesiti sono molto semplici, l’importo totale di questi fondi e presso quale ente sono depositati.

Ma non finisce qui, poiché nell’ambito dei rifiuti siamo ancora in debito di risposte sulla restituzione ai cittadini di parte della TARI per le pertinenze e sulla voragine finanziaria in cui pare essere finito anche l’ARO rifiuti trascinato dall’abisso in cui sono sprofondate le casse del Comune di Andria, ormai all’ennesimo cambio del dirigente alla Finanze.

È notizia delle ultime ore la comunicazione inviata dalla Sangalli ai dipendenti, con un preavviso di ritardo per l’accredito degli stipendi a causa di, tanto per cambiare, “problematiche inerenti la tesoreria del Comune di Andria”.

In concreto la maggioranza non risponde mai a nulla, sa solo ossessivamente ripetere che è colpa del passato, non comprendendo che continuando con questo ritornello dimostra in ogni caso una sola cosa: se dopo 8 anni di amministrazione non è riuscita a sistemare i presunti “immani disastri” ereditati, tra cui quello ambientale e finanziario descritti, dovrebbe prendere atto della propria incapacità ed andare a casa».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Gius ha scritto il 13 gennaio 2018 alle 20:01 :

    Patetici!!!!! Rispondi a Gius