Il Comune di Andria potrà, entro e non oltre 10 giorni dalla data di pubblicazione della graduatoria provvisoria, presentare osservazioni e motivate opposizioni

Festival Castel dei Mondi, nella graduatoria regionale tra i non finanziati per un solo punto

Il Festival andriese, con un punteggio di 66.5 e un contributo richiesto di oltre 530mila euro, non riesce a sorpassare la soglia di sbarramento e dunque, per il momento, non può ottenere il finanziamento

Politica
Andria venerdì 23 febbraio 2018
di La Redazione
Festival Castel dei Mondi, nella graduatoria regionale tra i non finanziati per un solo punto
Festival Castel dei Mondi, nella graduatoria regionale tra i non finanziati per un solo punto © n.c.

Primo dei progetti idonei ma non ammessi a finanziamento per carenza di risorse: così sfumano, almeno temporaneamente, le speranze di una cospicua partecipazione della Regione Puglia alle spese per l'organizzazione del Festival Castel dei Mondi 2018, in programma per la prossima estate.

Con determinazione dirigenziale n. 62 del 20.02.2018 sono state approvate le graduatorie provvisorie relative agli avvisi pubblici per presentare iniziative progettuali riguardanti le attività culturali e lo spettacolo dal vivo e le residenze artistiche: il Festival andriese, con un punteggio di 66.5 e un contributo richiesto di oltre 530mila euro, non riesce a sorpassare la soglia di sbarramento e dunque, per il momento, non può ottenere il finanziamento.

Il Comune di Andria potrà, entro e non oltre 10 giorni dalla data di pubblicazione della graduatoria provvisoria, presentare osservazioni e motivate opposizioni, adeguatamente documentate, al dirigente della sezione economia della cultura.

Se il contributo non fosse assegnato in via definitiva, verrebbe a mancare una grossa parte del budget previsto, con conseguente taglio di spettacoli. Una "mazzata" per un festival giunto, quest'anno, alla sua 22esima edizione, che rappresenta l'unico vero polo di interesse culturale nella nostra città, ancora sprovvista di un vero teatro e dove la cultura ad ampio raggio stenta a decollare.

Lascia il tuo commento
commenti