Dopo il plebiscito delle Politiche

Valanga 5 stelle ad Andria, Coratella: «Ora Giorgino si dimetta»

L'attenzione è puntata alla nostra città, dove D'Ambrosio ha raccolto poco meno di 29mila voti, con una percentuale del 51,63%. Coratella: «Un lavoro di squadra premiato»

Politica
Andria lunedì 05 marzo 2018
di La Redazione
Valanga 5 stelle ad Andria, Coratella: «Ora Giorgino si dimetta»
Valanga 5 stelle ad Andria, Coratella: «Ora Giorgino si dimetta» © AndriaLive

Una valanga con un consenso plebiscitario: così si può definire l'ultima tornata elettorale, che ha visto prevalere nettamente i due candidati del Movimento 5 Stelle alla Camera e al Senato, rispettivamente l'andriese Giuseppe D'Ambrosio e il barlettano Ruggiero Quarto.

Come aveva "profetizzato" Raffaele Fitto in un fuorionda di qualche giorno fa, i collegi uninominali pugliesi (e di tutto il Mezzogiorno, in realtà) sono stati appannaggio esclusivo dei pentastellati.

Ora l'attenzione è puntata anche alla città di Andria, dove proprio D'Ambrosio ha raccolto poco meno di 29mila voti, con una percentuale del 51,63%, «un incredibile dato nel mio collegio» come da lui stesso commentato»: volendo fare un confronto col dato delle amministrative del 2015 (con tutte le differenze ovvie tra le competizioni), il deputato andriese ha visto praticamente triplicato il consenso nei confronti del Movimento, che di voti ne aveva raccolti poco più di 10mila.

Ora è Michele Coratella, candidato Sindaco nel 2015 e capogruppo consiliare a Palazzo di città, a chiedere a gran voce le dimissioni del Primo Cittadino, sulla base di questo risultato straordinario del Movimento 5 Stelle: «Un lavoro di squadra premiato: quello che è accaduto ad Andria è il segno del fatto che i cittadini si sono stancate del Sindaco e di questa amministrazione, in un comune ormai disastrato». Le dichiarazioni nel video.


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Riccardo Nanni ha scritto il 06 marzo 2018 alle 16:38 :

    Avete fatto le elezioni anche comunali ad Andria??Se Si allora la richiesta di Coratella è legittima altrimenti parla a vanvera.Ci sono state le elezioni politiche mi pare e non altro Rispondi a Riccardo Nanni