Le dichiarazioni

​Andria Nuova, Gennaro Lorusso: «L’operazione di facciata di Nicola Giorgino»

«La fiducia d'ora in poi non può più essere incondizionata»

Politica
Andria sabato 14 luglio 2018
di La Redazione
Gennaro Lorusso
Gennaro Lorusso © AndriaLive

Secca e determinata la posizione del consigliere di maggioranza Gennaro Lorusso (Andria Nuova) all’indomani della formazione della nuova Giunta e delle ormai note questioni finanziarie in cui versa l’Ente.

All’avv.to Lorusso abbiamo chiesto qual è attualmente la posizione del partito “Andria Nuova” all’indomani della conferma di Del Giudice nel nuovo esecutivo: «Personalmente ritengo che l’amico Luigi Del Giudice, oggi riconfermato in giunta, abbia fatto nel settore cultura un buon lavoro, ma il Sindaco spostandolo ad altro settore, così come per gli altri, non ha fatto altro che appesantire l’azione amministrativa considerato che gli stessi si ritroveranno di fronte a questioni completamente nuove: più che rilancio è stata un’operazione di facciata».

Quanto alla riconferma in Giunta di Pierpaolo Matera su cui molti consiglieri avevano posto un veto, Lorusso precisa: «personalmente la mia posizione era e resta contraria all’ingresso in giunta di tutti gli ex assessori, e non solo di Matera. D'altronde, la stessa maggioranza aveva preso un impegno preciso di rinnovare totalmente la Giunta. Più che rilancio dell’azione amministrativa abbiamo assistito ad una ripartizione di poltrone ad amiche ed amici del Sindaco».

A fine mese si voteranno gli equilibri di bilancio, quale sarà la sua posizione a tal riguardo?

«Francamente, come già riferito dal consigliere Marmo e da altre forze politiche, porremo molta attenzione prima di approvare atti così importanti. Il Sindaco e il neo assessore al Bilancio dovranno dettagliatamente fornire alla maggioranza risposte certe, concrete e fattibili rispetto alle prescrizioni contenute nella relazione del MEF. Personalmente la fiducia che ho sempre riposto, rispettando il vincolo di maggioranza, si è esaurita. La fiducia d'ora in poi non può essere incondizionata. Voglio ricordare che, il sottoscritto, già nel 2013 pose all’attenzione della maggioranza la questione dei conti pubblici; all’epoca, ricordo benissimo, in molti nella maggioranza consideravano detti rilievi privi di fondamento. Oggi tutte le forze politiche prendono atto della necessità di riordinare i conti pubblici. Il tempo è galantuomo».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Giacomo ha scritto il 14 luglio 2018 alle 11:09 :

    AMICO GENNARO . Il tempo è galantuomo. Ma non sempre mette le regine sui propri troni ma sicuramente ogni pagliaccio nel proprio CIRCO. Rispondi a Giacomo