Assicurare un'auto in media nella Bat costa 432,2 euro

Tornano a salire le tariffe auto in Puglia

Assicurare un'auto in Regione costa in media 446 euro con un aumento del +1,8%. Taranto la città più cara. Lecce la più conveniente

Andria mercoledì 14 marzo 2018
di La Redazione
Rc auto
Rc auto © n.c.

Brutte notizie per gli automobilisti della Puglia: dopo anni di flessione tornano infatti a crescere le tariffe rc auto praticate in regione. Lo denuncia il Codacons, che diffonde oggi un rapporto elaborato dall’associazione sulla base dei dati Ivass.

Assicurare un’auto in Puglia costa oggi mediamente 446 euro all’anno (contro una media nazionale di 420 euro) con una crescita delle tariffe del +1,8% rispetto al trimestre precedente – spiega l’associazione – A livello provinciale Taranto è la città dove l’Rc auto costa di più (485,7 euro), seguita da Foggia (473,5 euro), Brindisi (471,1euro), Bari (447,5 euro), Barletta-Andria-Trani (432,2 euro), Lecce (394,9 euro), a dimostrazione delle forti differenze che si registrano all’interno della stessa regione.

Brindisi è la provincia dove si registra l’incremento maggiore, con le tariffe in salita del +2,6% rispetto al trimestre precedente, Lecce quella con gli aumenti più leggeri (+1%).

Il comparto assicurativo rimane uno dei settori più delicati per i consumatori, sia perché incide in modo evidente sui bilanci delle famiglie, sia perché è assai difficile districarsi nel caos di tariffe, offerte, condizioni, contratti e clausole e far valere le proprie ragioni di fronte ai colossi assicurativi. In soccorso degli utenti il Codacons ricorda che è ancora possibile usufruire dello “scudo legale” messo a disposizione dall’associazione: una copertura assicurativa che difende anche dalle stesse compagnie di assicurazioni, perché copre le spese per l’assistenza giudiziale e stragiudiziale, senza alcuna franchigia né numero massimo di sinistri, per controversie che includono una moltitudine di settori, tra cui telefonia, banche, energia e le stesse assicurazioni (info e dettagli sul sito www.codacons.it).

Lascia il tuo commento
commenti