Venerdì 6 ottobre alle ore 20.30

Gran “Concerto d’Autunno” all'ex Mattatoio

I violini dei maestri Ola Rudner e Günther Sanin e il clavicembalo del maestro Margherita Porfido, accompagnati dall’Orchestra da Camera Harmonia Vocis, offriranno le imperdibili note di Vivaldi, Tosti e Toselli

Spettacolo
Andria giovedì 05 ottobre 2017
di La Redazione
Gran “Concerto d’Autunno” all'ex Mattatoio
Gran “Concerto d’Autunno” all'ex Mattatoio © n.c.

L’Assessorato alla Cultura della Città di Andria, in collaborazione con l’Associazione Culturale Harmonia Vocis, ha organizzato presso il contenitore culturale dell’ex Mattatoio, venerdì 6 ottobre, alle ore 20.30, il gran “Concerto d’Autunno”.

I violini dei maestri Ola Rudner e Günther Sanin ed il clavicembalo del maestro Margherita Porfido, accompagnati dall’Orchestra da Camera Harmonia Vocis, con la utile guida all’ascolto curata da Ertilia Giordano e Giovanni Oliva, offriranno agli ascoltatori presenti le imperdibili note di Vivaldi, Tosti e Toselli.

Il concerto è gratuito, aperto a tutta la cittadinanza e al termine l’Associazione “strada dei vini doc – Castel del Monte” offrirà una degustazione di vini e taralli tipici.

Note biografiche:

Il maestro svedese Ola Rudner inizia la sua carriera come violinista. Vincitore del Concorso Paganini, è stato assistente del leggendario Sandor Vègh. Primo violino di varie orchestre come la Camerata Salzburg, la Volksopera Vienna e l’Orchestra Sinfonica di Vienna, nel 1995 ha fondato la Philharmonia Wien. Dal 1997 ha diretto tutte le maggiori orchestre australiane: Sydney Symphony Orchestra e le orchestre di Melbourne, Queensland, Tasmania, Adelaide e Perth. In Scandinavia ha diretto la maggior parte delle orchestre tra cui la Gothenburg Symphony Orchestra, la Swedish Radio Symphony Orchestra, Oslo Philharmonic e le orchestre a Trondheim, Bergen, Aalborg, Malmö, Helsingborg.Dal 2001 al 2003 è stato direttore principale dell’Orchestra Sinfonica della Tasmania in Australia; dal 2003 al 2006 è stato direttore principale della Orchestra Haydn di Bolzano. Dal 2008 al 2016 è stato il direttore principale della Württembergische Philharmonie a Reutlingen. Günther Sanin consegue a pieni voti i diplomi in viola e violino al conservatorio “F. E. Dell’Abaco” di Verona sotto la guida di Walter Daga perfezionandosi poi con Franco Gulli e Tibor Varga. È stato membro di alcune delle orchestre europee di maggior rilievo tra le quali la Scala di Milano, il Maggio Musicale Fiorentino, la Haydn di Bolzano, l’Orchestra della Radio di Lugano, la Philharmonia Wien e vincitore del primo premio assoluto “Città di Stresa”. Dal 1999 è primo violino solista dell’Orchestra della Fondazione Arena di Verona e si esibisce con i più grandi direttori d’orchestra e concertisti del
Novecento nelle sale più famose d’Europa, Russia, Giappone, Cina, Stati Uniti. Accanto alla sua attività principale con la musica classica dimostra da sempre grande versatilità anche verso altre forme musicali, dalla musica viennese al gypsy, al tango argentino, suonando assieme a musicisti come Franco Battiato, Astor Piazzolla, Milva e molti altri.

Margherita Porfido
, pianista e clavicembalista, ha studiato con Michele Marvulli pianoforte e Rosa Klarer clavicembalo. Si è perfezionata con Kennet Gilbert, diplomandosi con merito all’Accademia Chigiana di Siena (Corso Quadriennale) e ha seguito numerosi corsi e seminari sia di pianoforte che di clavicembalo. Si dedica sia all’esecuzione di Musica Antica (Rinascimentale e Barocca), sia Contemporanea. Dedicatasi al clavicembalo, incide nel 1995 un Cd dal titolo “Nuove musiche per clavicembalo” (Musicaimmagine Records) registrando prime assolute di composizioni a lei dedicate da musicisti quali: Giorgio Gaslini, Bruno Tommaso, Eugenio Colombo, Gianluigi Trovesi, Giancarlo Schiaffini, Carlo Franci, Grazia Salvatori, Francesco de Santis, Pino Minafra. Da oltre 10 anni si dedica alla ricerca di quel repertorio dimenticato che va dal ‘500 al ‘700, della Musica Italiana del Sud Italia che va sotto il nome di Scuola Napoletana.

Lascia il tuo commento
commenti