Geremia Acri Ho un debole per i deboli Leggi tutti gli articoli

“Prete di strada” dicono e mi chiamano. Non mi piace essere chiamato così mi ritengo e sono solo un uomo preso tra gli uomini per il bene dell’umanità.

Sono sacerdote e cerco di vivere per ridare dignità, giustizia e verità a me stesso e a quella parte di umanità a cui sono “mandato e inviato”. Non importa quale sia il colore della loro pelle, la loro fede, la loro cultura. Credo fortemente che non si dia pace senza giustizia, ma anche che non c'è verità se non nell'amore: ed è questa la mia speranza.

“…mi vanterò quindi ben volentieri delle mie debolezze,... quando sono debole, è allora che sono forte”...so che tutto ha un senso. Nulla succede per caso. Tutto è dono.

L'umanità è meravigliosa ne sono profondamente innamorato.

Gli ultimi articoli di Geremia AcriVedi tutti

La strada per l’insuccesso è lastricata di sane ambizioni

Rischiamo di coltivare generazioni di falliti

Non è cristiano chi è contro l’umanità

Sarebbe bene che il mondo cattolico partecipasse con i suoi principi morali all’arena pubblica

Futuro in partenza? L’impatto delle povertà educative sull'infanzia in Italia

Oltre 1,1 milioni di bambini e ragazzi è in povertà assoluta

Crimine contro l'umanità

“ogni due minuti, una bambina o bambino è vittima dello sfruttamento sessuale. Nel mondo, più di 200 milioni di minori lavorano, di cui 73 milioni hanno meno di 10 anni. Di questi piccoli, ogni anno ne muoiono 22 mila a causa di i
Altri articoli
Gli articoli più letti