Le social skills: cosa sono e perché servono

Il percorso di Social Skills Training, uno degli interventi psicoeducativi più accreditati dalla letteratura per lo sviluppo ed il potenziamento delle abilità sociali in pazienti psichiatrici gravi

Studio Propsy ​Penso, Reagisco, Ottengo
Andria - venerdì 02 marzo 2018
Le social skills: cosa sono e perché servono
Le social skills: cosa sono e perché servono © n.c.

Viviamo in una società in cui l’esigenza di saper comunicare è diventata imprescindibile. Se da un lato è sempre più facile interagire nel mondo virtuale, dall’altro le persone trovano maggiori difficoltà ad instaurare e mantenere relazioni nel mondo reale.

Il termine Social Skills viene generalmente riferito ad una gamma di abilità cognitive, emotive e relazionali di base, che consentono alle persone di operare con competenza sia sul piano individuale che su quello sociale. In altre parole, sono abilità e capacità che ci permettono di acquisire un comportamento versatile e positivo, grazie al quale possiamo affrontare efficacemente le richieste e le sfide della vita quotidiana.

Si è constatato che il possesso di suddette abilità sia un importante fattore facilitante l’adattamento personale, interpersonale, scolastico e professionale. Coloro che dispongono di un ricco repertorio di abilità hanno maggiori possibilità di fronteggiare con successo gli eventi e costruire una solida rete di sostegno sociale.

Al contrario chi non le possiede tende ad adottare uno stile comportamentale disfunzionale che non gli permette di relazionarsi in maniera efficace con gli altri. La non accettazione da parte del contesto di appartenenza, che inevitabilmente ne segue, va ad incidere sulla percezione che il soggetto ha della propria autostima e del proprio senso di auto-efficacia.

Le abilità sociali non sono innate, ma sono un qualcosa che l’individuo ha la possibilità di apprendere nel corso della sua vita. Per cui famiglia, scuola e gruppo dei pari esercitano un notevole influsso sullo sviluppo di tali abilità.

Training delle abilità sociali

Uno strumento elettivo per la promozione delle abilità sociali è rappresentato dal training. Il training delle abilità sociali è teso proprio all’acquisizione o al potenziamento della competenza sociale ed al miglioramento del proprio stile di comunicazione, allo scopo di incrementare il grado di relazione al proprio ambiente sociale. Il termine training fa appunto riferimento alla natura pratica ed esperienziale del programma, che utilizza metodologie derivate dalla terapia cognitivo comportamentale per allenare alla competenza sociale.

Il training delle abilità sociali riguarda a livello comportamentale gli aspetti verbali e non verbali della nostra comunicazione, mentre a livello cognitivo va ad individuare i pensieri disfunzionali che sono all’origine di molte nostre azioni provvedendo a modificarli. Si tratta di un percorso attivo, dove la partecipazione del soggetto è fondamentale per strutturare l’apprendimento di schemi sociali funzionali in sostituzione di quelli disfunzionali.

Attraverso un insieme di tecniche psicoeducative gli individui vengono aiutati in maniera sistematica a sviluppare abilità più efficaci per interagire con gli altri. Queste tecniche sono basate su una serie di principi dell’apprendimento sociale come:

- il modeling (apprendimento per osservazione),

- il rinforzo (lodare verbalmente i passi dell’abilità sociale eseguiti correttamente),

- lo shaping (rinforzare le successive approssimazioni al comportamento finale desiderato), - l’automatizzazione (praticare l’abilità in maniera sistematica fino a che diventa automatica) - la generalizzazione (trasferire l’abilità appresa nel gruppo di addestramento ad altri contesti di realtà quotidiana tramite l’assegnazione di compiti a casa).

Il Social skills training è pensato come un percorso in piccolo gruppo orientato ad insegnare ai partecipanti diverse abilità sociali.

Il social skills training: un’occasione per le persone con disabilità

Uno degli interventi psicoeducativi più accreditati dalla letteratura per lo sviluppo ed il potenziamento delle abilità sociali in pazienti psichiatrici gravi è un percorso di Social Skills Training (Addestramento alle abilità sociali) che si riferisce in particolare al modello di Bellack e Mueser (2003). Si tratta di un intervento riabilitativo finalizzato ad incrementare le strategie più funzionali dei pazienti e a correggere gli atteggiamenti che ostacolano il recupero o l’apprendimento della abilità. Il presupposto di base è che la competenza sociale si basa su una serie di apprendimenti comportamentali e, pertanto, può essere acquisita o modificata con l’esperienza o l’addestramento.

“Matrimonio, amicizia, gratificazione sessuale, lavoro” sono fonti potenti di rinforzo imperniate sulle abilità sociali. L’individuo privo di abilità ha molte probabilità di fallire nella maggior parte o in tutte queste sfere e, di conseguenza, sperimentare ansia, frustrazione e isolamento, tutti aspetti che presentano una particolare problematicità per i pazienti affetti da patologie psichiatriche.

Altri articoli
Gli articoli più letti