La spesa di ottobre: evviva la frutta dell’autunno!

Essere consumatori consapevoli dei bioritmi naturali tra le abitudini più sane

Savino Marmo “Un cucchiaio di energia”
Andria - venerdì 03 ottobre 2014
©

Oggi vi parlerò di come mangiare sano e cercare di risparmiare acquistando frutta di stagione: infatti se fuori stagione, i prodotti ortofrutticoli possono raggiungere rincari anche del 50%!

Ottobre è il mese adatto per acquistare i cachi dalla polpa zuccherina, morbida e cremosa: questo tipico frutto autunnale è un ottimo dessert, e infatti proprio per il suo elevato contenuto di zuccheri è considerato molto calorico. Ottima fonte di vitamine A e C, una varietà dal gusto particolare è il caco alla vaniglia anche detto caco mela proprio per la consistenza soda e croccante della polpa.

Ma se i cachi possono non essere graditi a tutti, non manca mai sulle nostre tavole un cesto pieno di mele! Il segreto delle straordinarie proprietà nutrizionali e salutistiche delle mele è in gran parte nascosto dietro una fibra solubile, chiamata pectina, di cui sono particolarmente ricche. Questo polisaccaride indigeribile aiuta a controllare i livelli di colesterolo, contribuisce a regolarizzare la funzionalità intestinale e tiene sotto controllo l'appetito.

Oltre alle mele, che siamo praticamente abituati ad avere sulle nostre tavole tutto l’anno, regine incontrastate di questo mese sono le pere, anch’esse ricche di pectina e fibre.

Ad ottobre, infine, possiamo godere dell’ultima uva e delle susine, mentre fanno il loro ingresso le castagne, frutto autunnale per eccellenza. Per questi frutti, vale il discorso comune a tutti gli alimenti: se assunti in quantità ragionevoli, anche vicino ai pasti, i benefici sono assicurati. L’importante è non abusarne, soprattutto per il loro contenuto di zuccheri.

Il mio invito al termine di questo breve elenco è di cercare sempre di acquistare frutta e verdure di stagione: ciò vi permetterà sia di risparmiare che di godere di un prodotto della natura che ha seguito i propri bioritmi e quindi con una qualità nutrizionale ed energetica sicuramente maggiore. Infine scegliere con coscienza frutta e verdura è un atto di rispetto nei confronti del nostro pianeta, perché ciò riduce l’inquinamento ambientale.

Buona spesa di ottobre a tutti!

Altri articoli
Gli articoli più letti