Garage allagati a causa delle forti piogge

Il condominio è tenuto a risarcire

Emanuele Di Corato Il condominio
Andria - venerdì 26 giugno 2015
©

Se l'impianto condominiale di defluvio e pompaggio delle acque meteoriche non funziona correttamente il condominio deve risarcire i proprietari dei locali garage allagati a causa delle infiltrazioni provocate da un forte temporale. Risulta pertanto inutile il tentativo di dimostrare che l'evento dannoso è da ascriversi in via esclusiva all'imprevedibile riversarsi di “un'immensa massa d'acqua” in occasione di eccezionali eventi atmosferici; invocando quindi l'ipotesi della forza maggiore. 

La responsabilità di cui all'art. 2051 cod. civ., prevista per i danni cagionati da cose in custodia, presupponga la sussistenza di un rapporto di custodia della cosa e una relazione di fatto tra un soggetto e la cosa stessa, tale da consentire il potere di controllarla, di eliminare le situazioni di pericolo che siano insorte e di escludere i terzi dal contatto con la cosa; detta norma non dispensa il danneggiato dall'onere di provare il nesso causale tra cosa in custodia e danno, ossia di dimostrare che l'evento si è prodotto come conseguenza normale della particolare condizione, potenzialmente lesiva, posseduta dalla cosa, mentre resta a carico del custode offrire la prova contraria alla presunzione  della sua responsabilità, mediante la dimostrazione positiva del caso fortuito, cioè del fatto estraneo alla sua sfera di custodia, avente impulso causale autonomo e carattere di imprevedibilità e di assoluta eccezionalità.

Vale a dire  in caso  di  mancanza  manutenzione del pozzetto di raccolta e della pompa di emergenza per lo scarico delle acque meteoriche, i danni causati dall’evento sono da addebitare al condominio.

Altri articoli
Gli articoli più letti