Sette cibi da evitare prima della nanna

In molti hanno avuto a che fare con il "reflusso silente", una patologia che provoca mal di gola, tosse cronica e difficoltà di deglutizione

Savino Marmo “Un cucchiaio di energia”
Andria - venerdì 13 maggio 2016
©

Tutti hanno sofferto almeno una volta di "reflusso acido" (altrimenti detto “gastroesofageo”, ovvero, la risalita del contenuto acido nell’esofago): è possibile, cari lettori, che molti di voi abbiano avuto a che fare con il "reflusso silente", una patologia che ha le stesse cause della prima, ma senza i soliti sintomi, e che provoca mal di gola, tosse cronica e difficoltà di deglutizione.

Un fastidio tanto comune (pare ne soffra quasi il 50% degli americani) quanto spesso banalizzato come un nomale mal di stomaco. La regola aurea dice che bisognerebbe andare a nanna a distanza di almeno due ore dall'ultimo pasto, meglio se leggero. Se però il richiamo dello snack notturno è irresistibile, meglio optare per cibi poco acidi come le banane o una ciotola di cereali con latte scremato o ancora una bella tazza di camomilla, che è calmante e riempie lo stomaco.

Da evitare invece tutti gli alimenti grassi, irritanti e che aumentano la permanenza del cibo nello stomaco, con il risultato di farci risvegliare nel cuore della notte con una sgradevole sensazione di bruciore in gola.

DA EVITARE ASSOLUTAMENTE:
1. Alcool
2. Cioccolato
3. Formaggio
4. Noci
5. Caffè
6. Agrumi
7. Soda

Per altri consigli, continuate a seguirmi…e se volete, contattatemi al 339.5241890 per parlare insieme di alimentazione!

Altri articoli
Gli articoli più letti