Oceania (Moana) riporta il caldo ad inverno inoltrato

Il nuovo "classico Disney" ed alcune tra le più attese pellicole del 2016 e non

Andria - venerdì 05 agosto 2016
© n.c.

L'estate non è ancora finita e non c'è modo migliore di occupare il tempo, per chi non è più chiuso nelle aule scolastiche, di sedersi davanti ad un buon film ed una immancabile bibita fresca. In realtà molti potrebbero preferire il richiamo del mare ma per i più piccoli, che di tempo a disposizione ne hanno più di quanto riescano a gestire, anche quest'anno una carrellata di film d'animazione arriva in soccorso.

Tra questi ce n'è uno che, secondo le aspettative, sarà il pilastro dell'animazione del 2016. Da una casa di produzione che non delude mai, con la prerogativa di una novità (quasi) assoluta se non consideriamo un più moderno e meno "colossale" Lilo e Stitch, e la promessa di una fantastica ambientazione in terre inesplorate per molti anni, quest'inverno finalmente il 56° classico Disney vedrà la luce.

L'ormai attesissimo "Oceania" è il secondo film distribuito dai Walt Disney Animation Studios nel corso di questo stesso anno, con Zootropolis (evento occorso per la sesta volta in tutta la storia della produzione Disney), ed arriva nelle sale italiane a Dicembre, un mese bizzarro per un viaggio tra le calde isole del Pacifico di tremila anni fa. Vaiana è una principessa del Pacifico meridionale che intraprende un coraggioso viaggio tra le Isole dell'Oceania per scoprire perchè, da ormai un millennio, nessuno ormai parta più per le famose spedizioni di scoperta ed esplorazioni delle selvagge terre incontaminate che erano (e perlopiù sono) quelle dell'Oceania. Incontrerà Maui, suo co-protagonista nel film e semidio dalle capacità mutaforma che, sentendosi "incompleto" per la sua natura divisa a metà, sarà  costantemente impegnato nel mettere in mostra le sue capacità semidivine, affiancandola insieme a diversi altri personaggi tra streghe e capitribù.

Curioso può essere sapere che Maui in realtà è un semidio difficile da riconoscere, per i nativi della zona, poichè non corrisponde in realtà a nessun mito o leggenda. Bensì è stato costruito unendo diversi elementi della cultura delle Hawaii, Tonga, Polinesia, Samoa, Tahiti e Nuova Zelanda. Il film è interamente animato in computer grafica, fatta eccezione per i moltissimi e semoventi tatuaggi di Maui. Auli'i Cravalho, inoltre, è la più giovane doppiatrice ad aver mai dato voce ad una principessa Disney: ha solo 14 anni.

Il film infine, uscito con differente titolo in diversi Stati, è ufficialmente intitolato "Moana". Non per la prima volta, infatti, nelle nostre sale un film arriva con un nome completamente differente dall'idea originale. La protagonista di Oceania, nella pellicola originale, si chiama infatti Moana. Il nome, inutilizzabile per motivi di diritti e per possibile confusione con l'omonima attrice (in Italia) Moana Pozzi, è stato cambiato in Vaiana. Moana significa "oceano" in molte lingue polinesiane. Vaiana, invece, è traducibile come "acqua di grotta" in tahitiano.
Per fortuna un titolo non fa un film, perchè seppure con un nome diverso, siamo sicuri che Vaiana riuscirà a mantenere fede alle promesse del nuovo millennio. Le tecnologie sempre più avanzate hanno fatto di Oceania l'ennesimo capolavoro grafico, ogni dettaglio sembra curato alla perfezione per garantire un viaggio senza paragoni insieme alla sedicenne principessa del Pacifico.

Già fuori programmazione, in prossima uscita o solo in lavorazione, ci sono anche innumerevoli ed interessanti seguiti delle saghe più amate.
Questo mese arriva il quinto episodio di una serie infaticabile: "L'era glaciale - In rotta di collisione". Tre anni dopo gli ultimi eventi, Scrat continua nel suo tentativo di mettere al riparo la sua ghianda ed arriva sin nello spazio, provocando una collisione tra pianeti che mette a rischio tutta la Terra, dove nel frattanto continuano le avventure di Manny, Diego, Sid ed il resto della compagnia.
Alla ricerca di Dory, invece, ha segnato un nostalgico ritorno di un famoso pesce pagliaccio dopo ben tredici anni di attesa. Ambientato solo un anno dopo la fine del primo film, Marlin e Nemo accompagneranno la loro amica alla ricerca della sua famiglia, di cui ricorda soltanto un indirizzo (come nel caso del dentista australiano del film precedente) e pochi flashback, di nuovo insieme agli amici di una volta.
Cars 3 riporta in pista gli affezionati motori della Pixar, in uscita probabilmente il prossimo anno insieme ai Puffi 3, questa volta interamente animato. Il seguito di Frozen, la pellicola Disney campione d'incassi, è confermata come il ritorno di Space Jam con Lebron James. Ancora non si hanno informazioni sulla trama o sugli altri personaggi del film, ma l'erede di Michael Jordan è stato designato e non resta che aspettare.

Altri articoli
Gli articoli più letti