“L’amore prima di noi”

Paola Mastrocola - Einaudi Editore -

Gabriella D'avanzo Libri...amoci
Andria - venerdì 20 gennaio 2017
© n.c.

“I miti sono  quel che resta dopo la dimenticanza, la rovina e il tempo che passa. Per questo sono eterni, perché sono al fondo di ognuno di noi…”

Dei e sentimenti sono i protagonisti di queste pagine che sono un po’ saggio, un po’ romanzo e forse anche un po’ favola.

Il lettore si confronta con i miti, scopre le loro vite, le loro passioni e i loro segreti più nascosti attraverso un viaggio nella mitologia antica che proprio perché è esistita prima di noi, possiede il fascino della continua interpretazione, della scoperta e della libertà di porsi domande che a volte sembrano non avere risposta, proprio come se chiedessimo a Narciso spiegazioni sull’amore, proprio a lui che muore in solitudine perché innamorato solo di se stesso.

Possedere realmente una persona è possibile? Chiediamolo pure ad Apollo che si scioglie di dolore nel vedere Dafne trasformarsi in un fusto di alloro, prima che lui riesca a raggiungerla. Si potrebbe addirittura pensare che l’amore non esiste o forse esiste e se esiste quante forme ci sono di questo meraviglioso sentimento. Allora potremmo chiedere spiegazioni, in merito, a Zeus e alle sue diverse forme di amare, e al suo insaziabile appetito sessuale da Don Giovanni, per Europa e per tutte le altre…

Se provassimo a chiedere ad Eco se l’amore si può spiegare, di sicuro ci risponderebbe indignata. Lei, proprio lei, figlia dell’aria e della terra, condannata a non poter dichiarare il suo amore per Narciso.

Capita spesso anche di chiedersi se l’amore è lontananza o vicinanza e, con molta calma, potremmo chiedere spiegazioni ad Orfeo che vuole a tutti i costi riprendersi la sua amata Euridice, costretta nell’oltretomba da un morso di serpente e quando decide di andare a riprendersela, per poter uscire dall’oltretomba accetta la condizione che fino all’arrivo sulla terra non deve voltarsi a guardare la sua amata. La tentazione è più forte e poco prima dell’arrivo, Orfeo si volta perdendo per sempre Euridice che nel frattempo non era poi così convinta di tornare sulla terra. L’amore per Euridice è lontananza, si nutre di distanze impercorribili.

Insomma per amare, alla fine, si scende a compromessi? Atalanta ci risponde di sì e ci manda anche a  dire che, in fondo, per spiegare l’amore l’unica chiave di lettura è l’amore stesso, cioè “ Una scatola a doppio fondo, dove la follia convive con la ragione, anzi entrambe sono pronte a scambiarsi i posti…”

“Se sai amare sei un mito…!”

Buona lettura.

Altri articoli
Gli articoli più letti