Bando Isi Inail 2016

Il contributo a fondo perduto è pari al 65% dell’investimento

Nicola Pugliese Guida alla Finanza Agevolata
Andria - venerdì 10 febbraio 2017
© n.c.

L'Inail, anche per il 2017, ha provveduto a destinare quasi 250milioni di euro, per finanziare con contributi a fondo perduto le spese sostenute per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Il bando è rivolto a tutte le imprese, anche individuali, iscritte alla CCIAA.

Sono finanziabili i progetti di investimento, i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale, progetti di bonifica da materiali contenenti amianto, progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività.

Il contributo a fondo perduto è pari al 65% dell’investimento (max 130mila euro) e viene erogato a seguito del superamento della verifica tecnico-amministrativa e la conseguente realizzazione del progetto. Lo stesso inoltre è cumulabile con benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito (es. Fondo di garanzia delle Pmi).

La candidatura della domanda si dividerà in 4 fasi:

Prima fase:  Candidatura ed esame soglia minima

Dal 19 aprile 2017, fino al 5 giugno 2017 sarà compilare e quindi candidare la propria domanda, effettuando quindi una simulazioni del progetto da presentare e quindi verificare il raggiungimento della soglia minima di ammissibilità.

Seconda fase: Inoltro domanda

Dal 12 giugno si partirà per il Click Day, ovvero le aziende dovranno inserire il proprio codice univoco, che le candida definitivamente alla pratica, in modo da generare un elenco in ordine cronologico, determinante per l’assegnazione degli importi.

Terza fase: perfezionamento ed accettazione domanda

Dopodiché le imprese ammesse al finanziamento dovranno far pervenire all’Inail, entro trenta giorni il perfezionamento della pratica.

Dopo l’ammissione ed il completamente dell’investimento si potrà provvedere a richiedere il contributo del 65% all’INAIL.

N.B.: Le spese d’investimento, pertanto non potranno iniziare prima della seconda fase.

Cogliamo l’occasione per informarvi che dal 05 maggio sarà possibile candidarsi anche al Bando ISI Agricoltura 2016, rivolte alle aziende agricole, e per i quali è prevista una dotazione di 45milioni di euro.

Altri articoli
Gli articoli più letti