Il genitore ansioso dell'ossessivo-compulsivo

Il caso

Liliana D'avanzo La rubrica delle carezze
Andria - venerdì 07 aprile 2017
ossessivo-compulsivo
ossessivo-compulsivo © n.c.

Così per amare, bisogna imparare prima a pazientare,

 a sapere stare da soli,

ad accettare l’altro e rispettarlo;

importante poi è avere fiducia in se stessi

perché in fondo è nel rapporto con il proprio

sé che si sviluppa il rapporto con il prossimo. (Erich Fromm)

Tiziana donna di 35 anni si presenta al mio studio con il bisogno di chiedere aiuto; racconta che la sua vita è contrassegnata da rituali, stereotipie, comportamenti rigidi e fissi. Il suo mondo appare ritentivo, rigido, manifesta una logica di accumulo (per esempio colleziona tutto ciò che le capita), in alcune situazioni mostra una marcata aggressività verso se stessa e verso gli altri, che interferisce nelle relazioni sociali. Con la famiglia, con gli amici è presente un ritiro dell’affettività. In alcune situazioni mostra un atteggiamento di eccessiva parsimonia che rasentala tirchieria e rigida ostinazione. La sua logica di accumulo gli impedisce di gettare oggetti consumati ormai inutili, anche se privi di valore affettivo. Tende al perfezionismo e quindi è molto esigente verso sè stessa, verso gli altri e nell’esecuzione di compiti; difficilmente delega il proprio lavoro ad altri. Pensa di essere disapprovato per vissuti sessuali, aggressivi e di dipendenza. Teme che si verificheranno eventi catastrofici se non metterà in atto questa determinata condotta.

Il DSM (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) definisce questo, un disturbo d’ansia, chiamato disturbo ossessivo compulsivo caratterizzato da ossessioni e compulsioni. Le ossessioni sono dei pensieri ricorrenti vissuti come intrusivi, inappropriati e fonte di ansia da parte dell’individuo. Le compulsioni sono dei comportamenti che si presentano spesso sotto forma di rituali in risposta alle ossessioni da neutralizzare ed esorcizzare. Per esempio il pensiero ripetuto che la casa possa esplodere potrebbe essere un tipo di ossessione e il controllo continuo della chiusura della cucina a gas la compulsione di risposta. Perciò si manifestano comportamenti ripetitivi, per esempio lavarsi le mani, allineare gli oggetti in un certo modo, riordinare, controllare la chiusura delle porte, o azioni mentali, per esempio contare, pregare, ripetere parole mentalmente che la persona attua in risposta ad una ossessione, o secondo regole che devono essere seguite rigidamente. I comportamenti o le azioni mentali sono rivolte a ridurre il disagio o a prevenire situazioni temute. In qualche momento la persona riconosce l’irragionevolezza o eccessività delle compulsioni. Questo disturbo causa un grosso dispendio di tempo ed energia, modifica le abitudini quotidiane e interferisce sul funzionamento globale della persona stessa.

Nel caso di Tiziana prova uno stato di disagio se non attua i suoi rituali. Spesso vi sono pensieri catastrofici e paure terribili che l’ossessivo cerca di neutralizzare attraverso i rituali compulsivi utilizzati quasi come esorcismi.

Secondo la psicoterapia analitico-transazionale, nel trattare gli ossessivi compulsivi, bisogna seguire delle regole per ottenere dei risultati:

  1. Il primo contratto è che il cliente smetta di compiere azioni ripetute, per quanto ciò possa sembrare difficile. Senza questo contratto sia il terapeuta che il cliente danno sostegno alla credenza magica che il cliente “non riesce” a controllare il proprio comportamento e quindi “non può” guarire.
  2. Poiché interrompendo il comportamento ossessivo coatto il cliente può provare una grande angoscia, le prime sedute saranno rivolte a scopi specifici, quali l’imparare a dare e ricevere carezze.
  3. Fin dall’inizio si pone l’accento sull’autonomia dell’individuo, che sceglie il proprio comportamento, i propri pensieri e le proprie emozioni.
  4. Tutti i clienti ossessivi che ho conosciuto odiavano se stessi.
  5. “Fai una fantasia sessuale” è un buon modo per cominciare la terapia……..

 

 

                                                                                                       

Altri articoli
Gli articoli più letti