Tennis

ATP Challenger Andria, tra meno di un mese il via alla 5^ edizione del torneo

Dal 19 al 26 novembre il Palasport ed il polivalente di via Delle Querce ospiteranno le partite del challenger, che lo scorso anno ha visto trionfare il tennista italiano Luca Vanni

Altri Sport
Andria lunedì 23 ottobre 2017
di La Redazione
La premiazione dello scorso ATP Challenger Andria
La premiazione dello scorso ATP Challenger Andria © n.c.

Atp Challenger “Castel del Monte” edizione numero cinque. Si scaldano i motori della macchina organizzativa del torneo internazionale di tennis che farà diventare Andria, la capitale italiana della disciplina per nove giorni. Dal 19 al 26 novembre, infatti, il campo centrale del Palasport e il polivalente di via Delle Querce ospiteranno le partite del challenger, che lo scorso anno ha visto trionfare il tennista italiano Luca Vanni.

“Andria si conferma tra i più importanti tornei indoor in Italia, al pari di Bergamo, Ortisei e Brescia – commenta il direttore tecnico, Enzo Ormas -. L'appuntamento di fine novembre resta l'ultimo challenger del 2017, e quindi diventa motivo per l'iscrizione di importanti tennisti che vorranno migliorare la propria classifica Atp. Anche perché i challenger sono diminuiti e Andria diventa una buona occasione per chiudere la stagione in bellezza, in vista del prossimo anno. Per questo motivo abbiamo grandi aspettative e siamo sicuri che il tabellone contemplerà nomi di assoluto valore, al pari dei vari Dodig e Robredo che si sono esibiti in passato sulla superficie veloce del Palasport”.

È di 43mila euro il montepremi dell'Atp di Andria, che vede sempre l'associazione “Pro tennis” in prima linea nell'organizzazione. “Ormai siamo nel vivo della quinta edizione – spiega il presidente di Pro Tennis, Pierpaolo Marchio -. Dopo mesi di preparazione, mancano pochi giorni all'inizio della manifestazione internazionale che convoglierà su Andria, appassionati e praticanti di tutte le età, oltre che famiglie intere, provenienti anche da fuori regione. L'obiettivo è far diventare per nove giorni il Palasport la casa del tennis del Sud Italia. Lo sport, infatti, è il veicolo migliore per promuovere la nostra terra, ed è per questo che cerchiamo sempre più forze imprenditoriali locali pronte a sostenere l'evento”.

Lascia il tuo commento
commenti