Fischi rivolti alla squadra e cori contro il diesse Doronzo al termine della sfida

Fidelis - Siracusa 0-1: sconfitta che pesa, Andria fischiata e a testa bassa

Valente sigla il goal decisivo al 16'; pessima prestazione della squadra di Favarin

Calcio
Andria domenica 19 marzo 2017
di Antonio Ventola
Fidelis Andria - Siracusa © Vincenzo Fasanella/Andrialive

Quella di oggi pomeriggio sarà una montagna da scalare. La Fidelis ospita il Siracusa, con tutte le difficoltà che comporta questo match dovute al momento degli avversari, al proprio momento e soprattutto alle proprie assenze. I leoni chiamano a raccolta il Degli Ulivi per un match che potrebbe rivelarsi vero crocevia stagionale per la squadra del presidente Montemurro.

Con Colella, Aya, Cianci, Piccinni e Allegrini out, Favarin rimodella il suo 3-5-2 partendo dalla porta, dove Cilli sostituisce Pop;  Tartaglia arretra nei tre di difesa insieme a Rada e Curcio. Come quinto di destra ci sarà Annoni, mentre in attacco torna titolare Sergio Cruz. Il Siracusa di Sottil risponde con un 3-4-3 volto a colpire i punti deboli degli azzurri. Santurro difende i pali e davanti a lui ci sono Diakite, Turati e Pirrello; i quattro di centrocampo sono Brumat, Spinelli, Palermo, Malerba, mentre il tridente offensivo è composto da De Respinis, De Silvestro e Valente. 

Inoltre, la gara è iniziata alle ore 14.45 dato che, in riferimento agli episodi di violenza verificatisi nelle ultime settimane che hanno coinvolto tesserati dell'Ancona (Paolucci, Cognigni e il mister Pagliari) e Catanzaro (Gomez e Leone), l'AIC e Lega Pro hanno deciso che in questa giornata di campionato le squadre scenderanno in campo con 15 minuti di ritardo. 

 

Prima frazione da incubo per la squadra di Favarin. Sin dalle prime battute l'Andria è disordinata e superficiale, incapace di opporsi ad un Siracusa con idee chiare e, soprattutto, con una fisicità che pare superiore a quella della Fidelis. Come a Cosenza, 3 minuti di black out costano all’Andria ed i siciliani puniscono i leoni con un Valente protagonista. Al 13' il 19 ospite lascia partire un cross tagliatissimo in area dalla sinistra, Pirrello  si ritrova in area, colpisce in spaccata, ma purtroppo non riesce a metterla dentro con Cilli battuto. Al 15' il Siracusa recupera palla a centrocampo in pressing su Vasco, in contropiede Valente sterza verso sinistra, tira, ma trova solo Cilli che blocca la sfera. Solo un minuto più tardi, però, il portiere azzurro non riesce a disinnescare il tiro e la squadra di Sottil si porta in vantaggio: altro break fulmineo  con palla recuperata a centrocampo, questa volta l'azione ospite si sviluppa da destra con De Silvestro, il quale taglia la difesa verso il centro e lascia partire una bordata che Cilli respinge ma non blocca; la sfera finisce sui piedi di Valente, appostato a sinistra, che con un tiro a giro insacca all'incrocio del secondo palo. Andria totalmente in bambola. Il cronometro scorre, la Fidelis continua a sbagliare passaggi ed il Siracusa inizia ad abbottonarsi. Favarin tenta di scuotere l'ambiente tirando fuori Vasco ed inserendo Minicucci al 35' (Mancino spostato a vertice basso), ma la mossa cambia poco. Il primo tempo scivola via nella mediocrità e dopo il fischio dell'arbitro Miele partono i fischi del Degli Ulivi che accompagnano le squadre negli spogliatoi. 

Il secondo tempo è a senso unico, seppur però solo nelle trame di gioco. Il Siracusa abbassa la saracinesca e lascia giocare per tutti i 45' la Fidelis. La prima vera occasione per l'Andria arriva al 53': calcio di punizione battuto da posizione defilata verso la destra da Curcio; gran tiro sul primo palo da parte del brasiliano che impegna Santurro a parare con una certa difficoltà; sulla deviazione dell'estremo difensore siciliano, però, nessun giocatore biancazzurro riesce a trovare il pertugio vincente. Favarin cambia ancora: fuori Tito (pessima prestazione) e dentro Volpicelli; l'Andria si schiera a questo punto con un 3-4-3 ed inizia a giocare ripetutamente sul proprio numero 7 che in più di un'occasione riesce a saltare l'uomo, ma senza trovare il passaggio decisivo. Al 77' il Siracusa rischia di chiudere la contesa con l'unica azione della sua seconda frazione: in palleggio i siciliani eludono il centrocampo dell'Andria, arrivano vicino all'area di rigore avversaria con Azzi (entrato da poco al posto di De Respinis) che arriva al tiro, ma il diagonale è impreciso, attraversa tutto lo specchio e finisce fuori con Cilli che controlla la traiettoria senza intervenire. La Fidelis si riversa totalmente nella frazione di campo siciliana, ma gli ospiti riescono a distruggere le trame di gioco dei padroni di casa, che impensieriscono gli avversari solo durante i 4' minuti di recupero. 90', l'occasione più clamorosa per la Fidelis: punizione da 30 metri battuta da Rada, Santurro non blocca la palla potente e a mezza altezza, Minicucci riesce a raggiungere la sfera, ma clamorosamente sbaglia il tap in. L'ultima occasione arriva ancora dai piedi del difensore rumeno, sempre da punizione al 94': nuovamente Santurro non blocca la sfera, ma questa volta i difensori di Sottil riescono prontamente a smanacciare. 

Sul rinvio della difesa ospite e sotto i fischi assordanti del Degli Ulivi (uniti a cori di protesta nei confronti del diesse Piero Doronzo) si conclude un match giocato in maniera pessima dall'Andria ed in maniera pregevole dal Siracusa. I biancazzurri rimangono in zona play-off, ma di questo passo sarà durissima conquistarli. Il Siracusa, invece, conquista tre punti chiave e, con la sconfitta del Francavilla, si pone a -1 dal 5° posto occupato dai pugliesi.


TABELLINO

FIDELIS ANDRIA - SIRACUSA 0-1 

FIDELIS ANDRIA (3-5-2)
Cilli; Tartaglia, Rada, Curcio; Annoni, Onescu, Vasco (34' Minicucci), Mancino, Tito (64' Volpicelli); Cruz (75' Fall), Croce. 
A disposizione: Lullo, Pop, Volpicelli, Fall, Paolillo, Mincucci, Ippedico, Berardino, Imbriola, Spinelli, Bottalico. 
Allenatore: Giancarlo Favarin. 

SIRACUSA (3-4-2) Santurro; Diakite, Turati, Pirrello; Brumat, Spinelli, Palermo, Malerba; De Silvestro (82' Scardina), De Respinis (72' Azzi) Valente (78' Dentice). 
A disposizione: Gagliardini, Dentice, Longoni, Scardina, Sciannamè, Persano, Toscano, Cossentino, Dentello. 
Allenatore: Andrea Sottil. 

ARBITRO: Davide Miele di Torino. 

ASSISTENTI: Andrea Fusco di Torino e Salvatore Affatato di Vico. 

NOTE
Marcatori: 16' Valente (SIR)
Ammoniti: 17' Diakité (SIR); 35' Onescu (FA); 84' Santurro (SIR); 85' Croce (FA); 89' Mancino (FA)
Espulsi: /
Angoli: 4-3
Recupero: 0' p.t.; 4' s.t.
Spettatori: 1805 (1402 abbonati) per un incasso di 13434,61 euro

(Twitter: @AntonioVentola)

Lascia il tuo commento
I commenti degli utenti