Le dichiarazioni del tecnico della Fidelis Andria in vista della gara contro la Reggina

Fidelis, Papagni: «Le difficoltà compattano il gruppo. Dobbiamo dei punti ai nostri tifosi»

Infermeria stracolma contro la Reggina: out Tartaglia, Colella, Esposito, Croce, Taurino e Scalera; fuori anche Piccinni per squalifica

Calcio
Andria sabato 03 marzo 2018
di Antonio Ventola
Aldo Papagni in conferenza
Aldo Papagni in conferenza © Vincenzo Fasanella/Andrialive

Dopo il successo a Pagani, la Fidelis torna a casa al Degli Ulivi per affrontare un'altra diretta concorrente: la Reggina.

«Affronteremo le squadre che ci sono vicine in classifica e la vittoria di domenica scorsa ci ha dato tanta fiducia - ha esordito in conferenza mister Aldo Papagni - Siamo soddisfatti per la prestazione e per la compattezza che hanno mostrato i ragazzi a Pagani e sono contento per loro».

Reggina, avversario assolutamente da non sottovalutare: «Sappiamo che avremo di fronte una squadra che ha dimostrato di essere in buonissime condizioni nelle ultime partite. E' stata battuta di misura non meritando con il Trapani e già questo deve alzare la nostra soglia d'attenzione. L'arrivo di La Camera sta a significare che hanno voluta dare ulteriormente esperienza al loro pacchetto di centrocampo. Tutto ciò però non ci porta a partire sfavoriti, assolutamente».

Infermeria piena. Out Tartaglia, Colella, Esposito, Croce, Taurino e Scalera, oltre allo squalificato Piccinni: «Fa parte delle situazioni di difficoltà che siamo chiamati a superare. Gli infortuni devono portare il gruppo a compattarsi ancor di più. Giochiamo in casa, sotto gli occhi del nostro pubblico e dobbiamo inziare a fare più punti al Degli Ulivi».

In dubbio anche Longo per una formazione che si dovrebbe ricomporre con un 3-5-2 costretto a qualche novità come Scaringella in coppia con Lattanzio e la riconferma di Quinto e Longo a centrocampo.

Fidelis Andria anti Reggina (3-5-2) Maurantonio; Abruzzese, Celli, Tiritiello; Di Cosmo, Matera, Quinto, Longo, Lancini; Lattanzio, Scaringella.

Lascia il tuo commento
commenti