Festival pianistico città di Corato, tutti i concerti in programma

Corato
dal 25 novembre 2018 al 15 dicembre 2018 alle ore 18:30

Domenica il primo concerto, un recital dedicato al repertorio dallo spirito tzigano. Si esibiranno la violinista Giulia Buccarella e il pianista Giuseppe Campagnola

Indirizzo Sala verde del Comune e Teatro

Festival pianistico città di Corato, tutti i concerti in programma
n.c. © n.c.

Ci saranno anche il prodigioso Albert Mamriev e il concertista pugliese di fama internazionale Pasquale Iannone tra i protagonisti dell’ottava edizione del Festival Pianistico Città di Corato. Dal 25 novembre al 15 dicembre proporrà sette appuntamenti dedicati al mondo degli ottantotto tasti nelle sue declinazioni da camera.

La manifestazione diretta da Filippo Balducci nella Rete di musica d’arte Orfeo Futuro, con il sostegno dell’amministrazione comunale e di alcuni sponsor, si aprirà il 25 novembre (ore 18.30) nella Sala Verde del Municipio con un recital dedicato al repertorio dallo spirito tzigano. Saranno impegnati la violinista Giulia Buccarella e il pianista Giuseppe Campagnola, duo consolidato di musicisti baresi (insegnano entrambi al Conservatorio Piccinni) con un’avviata attività concertistica in Italia e all’estero. Suoneranno musiche di Dvorak (Pezzo romantico op. 75 n. 1), Franck (Sonata in la maggiore), Rachmaninov (Morceaux de Salon op. 6 n. 1: Romance), Brahms (Danze ungheresi n. 1 e n. 2) e Ravel (Tzigane, rapsodia da concerto).

Seguirà, il 30 novembre, nel Teatro Comunale (ore 21), il concerto di Albert Mamriev, russo del Daghestan che vent’anni fa si fece notare per la prima volta negli ambienti del pianismo che conta con la vittoria al Delia Steinberg International Piano Competition di Madrid, prima di intraprendere una brillante carriera di pianista romantico, nel solco della grande tradizione virtuosistica tracciata da Horowitz e Rubinstein, con numerose affermazioni a concorsi di primo piano, tra cui il Gina Bachauer di Salt Lake City, e concerti in giro per il mondo. Mamriev proporrà musiche di Liszt (Santo Spirito Cavaliere, dal Rienzi di Wagner), Brahms (Fantasie op. 116) e Ciajkovskij (Le stagioni).

Dopo la digressione dell’1 dicembre, sempre nel Teatro Comunale (ore 21), con lo spettacolo musicomico della Dual Band dedicato ai Beatles e al ’68, i riflettori si accenderanno sul giovane pianista marchigiano Giulio De Padova, lo scorso anno vincitore del prestigioso «Premio Bengalli» al Concorso di Val Tidone (con Premio del Pubblico «Erica Prati») e qualche stagione prima del Concorso Steinberg di Madrid, lo stesso conquistato da Mamriev, dove nessun italiano aveva mai vinto prima in trentasei edizioni. Nella Sala Verde (ore 18.30) De Padova interpreterà pagine di Bach (Preludio in si minore dal Clavicembalo ben temperato nella trascrizione di Siloti), Beethoven (Sonata op. 111) e Chopin (Sonata op. 58).

Il 7 dicembre, nel Teatro Comunale (ore 21), sarà la volta di Pasquale Iannone, virtuoso della tastiera e tra i capofila del movimento di pianisti pugliesi che da tempo fa parlare di sé nel mondo e che il Nuovo Mondo ha conquistato suonando alla Carnegie Hall di New York, nella cui esecuzione si potranno ascoltare musiche di Schubert (Sonata D 784), Chopin (Scherzo n. 4 op. 54) e Liszt (Sonata in si minore).

Chiudono la programmazione due concerti a tema, il 9 dicembre (ore 18.30), nella Sala Verde, «Di madri e figli», con il mezzosoprano Teresa Caricola accompagnata al pianoforte da Vincenzo Cicchelli, e il 14 e 15 dicembre (ore 18.30) il recital a domicilio «Salotti musicali» (con invito) con cui il violinista Dario Palmisano e i pianisti Giuseppe Campobasso, Giandomemico Castellano e Annamaria Fortunato rievocano gli antichi fasti delle esecuzioni in casa della musica da camera.