Il fatto

Lite degenera nel centro storico, ragazza ferita con spray al peperoncino

Intorno ai due si sarebbe assiepata una folla consistente di curiosi, motivo per cui sono intervenute pattuglie di polizia e carabinieri

Cronaca
Andria martedì 15 settembre 2020
di La Redazione
Lite centro storico piazza Catuma
Lite centro storico piazza Catuma © AndriaLive

Ci sarebbe uno screzio tra un uomo e una ragazzina alla base dell’intervento di forze dell’ordine e ambulanze questa sera nel centro storico. Nel corso della lite, l’uomo si sarebbe rivolto contro la ragazza spruzzandole uno spray urticante al peperoncino, motivo per cui è stato necessario il ricorso alle cure dei sanitari.

Intorno ai due si sarebbe assiepata una folla consistente di curiosi, motivo per cui sono intervenute pattuglie di polizia e carabinieri per evitare che la situazione degenerasse.


Tutta da chiarire la dinamica nel parapiglia generale, in cui sarebbero state ferite anche altre persone. Seguiranno ulteriori aggiornamenti.



Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Luigi ha scritto il 16 settembre 2020 alle 15:04 :

    I controlli sono trasparenti Rispondi a Luigi

  • rossana lagravinese ha scritto il 16 settembre 2020 alle 09:48 :

    Qualcuno conosce il motivo di questo litigio? Rispondi a rossana lagravinese

    Fonte certa ha scritto il 17 settembre 2020 alle 00:37 :

    La maleducazione di questi ragazzini ha portato una signora, residente in quella strada, a chiedergli di allontanarsi ricevendo in tutta risposta solo insulti... degenerata la situazione, un vicino è uscito nel tentativo di sedare la situazione ma questo gruppo di ragazzini lo ha aggredito con percosse ricevendo fortunatamente solo un taglio sul volto fatto probabilmente con un taglierino... Un terzo uomo per sedare il tutto ha usato lo spray e li sono scappati via un po' tutti. Rispondi a Fonte certa

  • Elena Fusiello ha scritto il 15 settembre 2020 alle 23:15 :

    vorrei soltanto dire, che la ragazza è stata scaraventata al muro da questo essere orrendo, ritrovandosi con un collare in ospedale signori. Rispondi a Elena Fusiello

  • vincenzo mastrorillo ha scritto il 15 settembre 2020 alle 21:46 :

    uaglio la colpa è delle attività commerciali che vendono alcool a profusione... stanno tutti pazzi.... ma cio oveir oveir Rispondi a vincenzo mastrorillo

    Riccardo gallo ha scritto il 16 settembre 2020 alle 09:24 :

    Lei era davanti al momento dell'aggressione? Lei conosce le dinamiche dell' aggressione? Credo proprio di no quindi prima di sparare cazzate rifletta 2 volte e spenga il telefono Rispondi a Riccardo gallo

    Riccardo Carbone ha scritto il 16 settembre 2020 alle 08:44 :

    La colpa non è di chi vende,ma di chi consuma. Il commerciante non punta il coltello alla gola per far consumare alcool Rispondi a Riccardo Carbone

    Andrea Camp ha scritto il 16 settembre 2020 alle 13:26 :

    Alla vigilia di Natale in un bar di Corso Cavour dopo aver chiesto due caffè il cameriere mi chiede "niente di alcolico?". I commercianti hanno tutto l'interesse a vendere alcol, soprattutto se vendono solo quello. E si vende tranquillamente anche ai minorenni (come fa un noto locale che vende shot, passare per credere) Rispondi a Andrea Camp