L'organico del comune è composto per il 47,7% da donne e per il 52,3% da uomini

La Giunta approva il piano delle azioni positive per la realizzazione delle pari opportunità

Con tale provvedimento l'ente vuole garantire parità tra i due sessi nelle condizioni di Iavoro e di sviluppo professionale tenendo conto anche della posizione delle lavoratrici e dei lavoratori in seno alla famiglia

Attualità
Andria martedì 03 agosto 2021
di Michele Lorusso
Palazzo di Città
Palazzo di Città © AndriaLive

Con deliberazione di Giunta comunale è stato adottato il piano triennale delle azioni positive per la realizzazione delle pari opportunità tra uomini e donne.

Il Piano, previsto dal decreto legislativo n. 198/2006 (Codice delle pari opportunità tra uomo e donna), individua misure specifiche per eliminare in un determinato contesto le forme di discriminazione eventualmente rilevate.

Obiettivi generali delle azioni sono: garantire pari opportunità nell'accesso al lavoro, nella progressione di carriera, nella vita lavorativa, nella formazione professionale e nei casi di mobilità; promuovere il benessere organizzativo e una migliore organizzazione del lavoro che favorisca l’equilibrio tra tempi di lavoro e vita privata; promuovere all'interno dell'amministrazione la cultura di genere e il rispetto del principio di non discriminazione.

Il Piano triennale si articola in due parti: una costituita da attività conoscitive, di monitoraggio e analisi; l'altra, più operativa, con l'indicazione degli obiettivi specifici.

In base all’analisi fatta l’organico del comune al 31 dicembre 2020 è di 318 dipendenti, di cui 189 uomini e 129 donne.

Oltre alla Segretaria Comunale, tutte le Dirigenti a tempo indeterminato (tre) sono donne a fronte di un Dirigente a tempo determinato. A seguire, le dipendenti di categoria D3 sono il 23,08% mentre gli uomini sono il 76,92%. Percentuale ribaltata per la categoria D1 che registra il 52,63% di donne e il 47,47% di uomini. La categoria C, invece, è composta per il 42,86% da donne e per il 57,14% da uomini. Nella categoria B3 ci sono il 33,33% di donne e il 66,67% di uomini, mentre nella B1 la maggioranza è composta da donne, cioè il 55,17% a fronte del 44,83% di uomini. Nella categoria A la presenza femminile è ridotta al lumicino, 3,23% e 96,77% da uomini.

Tra le varie azioni che il Comune si impegna ad adottare ci sono quelle riguardanti la formazione e l’aggiornamento di tutto il personale, senza discriminazione di genere; l’adozione di modalità organizzative delle azioni formative che favoriscano la partecipazione di lavoratori e lavoratrici in condizioni di pari opportunità e non costituiscano ostacolo alla conciliazione fra vita professionale e vita familiare; l’attivazione di specifici percorsi di reinserimento nell’ambiente di lavoro del personale al rientro dal congedo per maternità/paternità.

Il monitoraggio dell'applicazione del Piano delle Azioni Positive 2021-2023 verrà effettuato mediante un’indagine sul benessere organizzativo ed individuale percepito all’interno delI'Amministrazione attraverso la diffusione a tutto il personale di un apposito "Questionario" redatto dal CUG. A seguito del questionario, il C.U.G. dovrà redigere una relazione agli organi di indirizzo politico- amministrativo delI’Ente, al fine di individuare ulteriori azioni di miglioramento e di misurare l’impatto delle azioni poste in atto.

Lascia il tuo commento
commenti