La diretta

Al via la celebrazione per la consacrazione episcopale di mons. Giovanni Massaro

Il motto episcopale scelto da Mons. Giovanni Massaro è: “Perdere la vita per amore di Cristo”

Attualità
Andria martedì 21 settembre 2021
di La Redazione
Al via la celebrazione per la consacrazione episcopale di mons. Giovanni Massaro
Al via la celebrazione per la consacrazione episcopale di mons. Giovanni Massaro © AndriaLive

In corso la solenne celebrazione presieduta da Mons. Luigi Mansi, Vescovo di Andria, di consacrazione di don Giovanni Massaro a Vescovo di Avezzano. I Vescovi consacranti sono Mons. Pietro Santoro Vescovo emerito e Amministratore Apostolico di Avezzano e Mons. Luigi Renna Vescovo di Cerignola Ascoli Satriano.

Il motto episcopale scelto da Mons. Giovanni Massaro è: “Perdere la vita per amore di Cristo”.

Le parole del motto episcopale si rifanno al vangelo di Marco (Mc 8,34 – 35) laddove l’evangelista narra che Gesù “convocata la folla insieme ai suoi discepoli” descrive le condizioni necessarie per andare dietro a lui: "Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi sé stesso". Chi vuole essere discepolo di Gesù non può pensare solo a sé, fare del suo io il padrone di tutta la vita ritenendo così di dare pienezza alla propria esistenza. In realtà “chi vuole salvare la propria vita la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del vangelo, la salverà”. La vita si realizza donandola e si sviluppa effondendola. Chi invece se la tiene stretta, la soffoca. Gesù con la sua esistenza ci ha mostrato che la vera vita si trova nel dono di sé stessi. Chi la vuole tenere stretta per sé solo, perde la possibilità di un’autentica vita che rende felici. Nelle parole scelte per il motto episcopale ritroviamo così sintetizzato il programma di vita di Cristo e di ogni suo discepolo.

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Andriese ha scritto il 21 settembre 2021 alle 19:01 :

    Tanti tantissimi auguri le giungano da noi andresi , l accompagniamo a questa chiamata con la preghiera e tanto tanto affetto.. Rispondi a Andriese