Alle 10.30 nell'auditorium dell'Istituto

"Mai più nelle sue mani", oggi manifestazione all'I.I.S.S. "Colasanto"

Obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica, e in particolare le nuove generazioni, sul fenomeno della violenza contro le donne, che in questo ultimo periodo sta assumendo proporzioni veramente preoccupanti

Attualità
Andria giovedì 25 novembre 2021
di La Redazione
"Mai più nelle sue mani", oggi manifestazione all'I.I.S.S. "Colasanto" © n.c.

Oggi, 25 novembre, alle 10.30, si terrà nell’Auditorium dell’Istituto Colasanto di Andria una manifestazione per sensibilizzare l’opinione pubblica, e in particolare le nuove generazioni, sul fenomeno della violenza contro le donne, che in questo ultimo periodo sta assumendo proporzioni veramente preoccupanti. Come è stato riportato da un recente articolo apparso su “Repubblica”, infatti, le donne uccise nel 2021 sono già 103, ma la cosa più terrificante è che rappresentano il 40% di tutti gli omicidi commessi nel Paese. Le donne uccise dall’ex o dal partner sono ben 60. Si tratta di un dato inaccettabile, soprattutto se si considera che il trend era in calo negli anni precedenti.

Di fronte a questa autentica carneficina non si può restare indifferenti o limitarsi alle solite frasi di circostanza. Bisogna, innanzi tutto, dotare le forze dell’ordine e la magistratura di maggiori strumenti per tutelare le donne in pericolo e assicurare loro la protezione dello Stato. In secondo luogo, bisogna diffondere una cultura del rispetto nei confronti della donna, tesa a garantire un’effettiva parità di genere, obiettivo che deve essere assunto in prima persona da tutta la società e quindi anche dagli uomini. Le donne non possono essere considerati oggetti di proprietà del loro partner: quando decidono di riprendersi la loro libertà, per le motivazioni che ritengono più opportune e che nessuno deve permettersi di sindacare, bisogna mettere in atto tutte le strategie possibili per garantire loro il diritto di non pagare con la vita una scelta di libertà che riguarda soltanto loro stesse. È una questione di civiltà, tramite la quale si può commisurare il livello di crescita e sviluppo socioculturale di un’intera nazione.

Su questi argomenti verterà l’incontro di oggi, organizzato dall’Istituto “Colasanto di Andria” insieme all’Associazione “Le amiche per le amiche”. Aprirà i lavori il Sindaco di Andria, Giovanna Bruno. Interverranno successivamente il Dirigente Scolastico dell’IISS “Colasanto”, Cosimo Strazzeri, Francesca Magliano e Stefania Campanile, dell’Associazione “Le amiche per le amiche”, Adriana Gadaleta, che svolge attualmente la funzione di consulente psicologica presso l’IISS “Colasanto” e la Referente per le attività artistiche e culturali, Paola Nanni. La varietà delle prospettive che saranno adottate e la qualità dei relatori rappresentano una sicura garanzia di approfondimento del tema.

Alla manifestazione, che rientra nei progetti “Educazione ambientale, alla salute e all’affettività” ed “Educazione alla legalità” del PTOF 2019-22, parteciperanno anche le alunne e gli alunni delle classi quinte di tutti gli indirizzi (Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale, Promozione Commerciale Pubblicitaria e Liceo Artistico), che si confronteranno con i relatori su questa delicata tematica, fornendo anche il loro fattivo contributo.

Un’occasione di crescita per tutta la comunità scolastica, quindi, e per l’intera città.

Lascia il tuo commento
commenti