Trasmesse alla Regione, cabina di regia di un tavolo tecnico istituito a margine, dopo la richiesta della Sogin

Parco Alta Murgia, deposito rifiuti radioattivi: presentate altre osservazioni per il "No"

La candidatura ufficiale a Geoparco Unesco e l’approvazione della perimetrazione delle Aree Contigue un forte freno allo smaltimento nucleare

Attualità
Andria sabato 15 gennaio 2022
di La Redazione
Mappa tematica di
Mappa tematica di "MurGeoPark" © Parco Nazionale Alta Murgia

Dopo la richiesta da parte della Sogin di produrre eventuali altre osservazioni volte all'individuazione del sito per il deposito di rifiuti radioattivi, il Parco Nazionale dell’Alta Murgia ha formulato le stesse e le ha trasmesse in questi giorni alla Regione Puglia, cabina di regia di un tavolo tecnico istituito a margine. 

Nelle osservazioni presentate a ottobre scorso nell’ambito di un seminario nazionale, l’ente aveva rimarcato la presenza – nelle aree limitrofe al Parco – di habitat, specie animali e vegetali di rilievo conservazionistico, zone umide e siti Natura 2000, da tenere alla larga dallo stoccaggio di scorie nucleari. Nelle integrazioni prodotte si fa riferimento in primis alla candidatura a Geoparco Unesco, ufficializzatasi il 29 novembre scorso da parte del Comitato Nazionale Italiano Geoparchi Mondiali Unesco. «Con le integrazioni formulate – dichiara Francesco Tarantini, presidente Pnam – sono nero su bianco tutti i motivi per cui l’area delle Murge non è tra quelle idonee a “custodire” rifiuti radioattivi, ma specie animali e vegetali protette, bellezze naturali di elevato pregio e un patrimonio geologico che aspira al riconoscimento Unesco. Con la perimetrazione delle Aree Contigue e la candidatura ufficiale a Geoparco abbiamo in mano due carte potenzialmente vincenti per allontanare un’ipotesi assurda che penalizzerebbe l’economia del territorio». L'istituzione del Geoparco sarebbe un forte deterrente all'ipotesi di realizzazione del deposito, inconciliabile con il patrimonio naturale, geologico e culturale delle Murge. Oltre alla Regione, a sostegno della candidatura ci sono numerosi soggetti pubblici e privati, tra cui l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale (Ispra), l’Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia, il Cnr-Istituto di Geologia Ambientale e Geo-ingegneria, la Società Italiana di Geologia Ambientale (Sigea), l’Ordine dei Geologi della Puglia, la Federazione Italiana delle Associazioni e Club per l’Unesco, l’Osservatorio Europeo del Paesaggio di Arco Latino, il Prof. Bilal Haq dello Smithsonian Institution (Washington Dc) e della Sorbonne University. 

Come si rileva nelle ultime osservazioni, un ulteriore freno al deposito sarebbe la recente approvazione da parte della Regione (delibera n. 1932 del 29/11/2021) della perimetrazione delle Aree Contigue, uno strumento di tutela previsto dalla Legge quadro sulle aree protette, che oltre a valorizzare sul piano ambientale, geologico ed economico le aree limitrofe al Parco, include i territori di Laterza, Acquaviva delle Fonti e i centri urbani dei comuni del Parco esclusi dal suo perimetro. Infine, a sostegno del no allo smaltimento nucleare c'è la sinergia tra il Parco Nazionale dell'Alta Murgia e il Parco della Murgia Materana, che già da tempo collaborano per la pianificazione coordinata delle aree gestite, allo scopo di integrare in un “sistema delle gravine” le componenti naturali, culturali ed etno-antropologiche dei due territori, tutelando habitat e specie di importanza conservazionistica a livello nazionale e comunitario. La volontà è di sottoscrivere a breve un protocollo d'intesa tra i due enti, che coinvolga anche la Provincia di Taranto.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Memeo Antonio ha scritto il 17 gennaio 2022 alle 13:09 :

    Altri vincoli Il parco dei no Non si possono fare miglioramenti E' facile dire no I cinghiali stanno distruggendo la Flora e la fauna Per non parlare dei raccolti che puntualmente vengono distrutti dai cinghiali Immondizia e strade che ormai sono diventate impraticabili perché ormai la vegetazione le ha chiuse Non ci sono iniziative per aiutare chi ha avuto la sfortuna di trovarsi all'interno del parco Ma cosa abbiamo fatto noi per essere così sfortunati Per non parlare dei lupi che ammazzano le pecore Siamo stanchi Rispondi a Memeo Antonio

  • Salvo ha scritto il 15 gennaio 2022 alle 16:32 :

    Totò avrebbe detto " ...mi faccia il piacere!!!!.......l 'imperativo è RESISTERE RESISTERE RESISTERE...del Procuratore di Milano Francesco Saverio BORRELLI Rispondi a Salvo

  • Francesco Rutigliano ha scritto il 15 gennaio 2022 alle 07:37 :

    Il deposito dei rifiuti radioattivi sulle Murge sarebbe una straordinaria occasione di sviluppo di tutta l'area. L'ignoranza di chi rifiuta tale opportunità dovrebbe essere confrontata alla perizia dei fisici ed altri professionisti che, conoscendo i fenomeni di cui la gente comune parla inconsapevolmente, sceglie di lavorare tutti i giorni in quel sito proprio perché sa di essere al sicuro alla luce delle competenze acquisite in anni di studi. Sentire dire agli ignoranti "secondo me non è sicuro, è pericoloso" è inconcepibile. Rispondi a Francesco Rutigliano

    Leopoldo Quinto ha scritto il 16 gennaio 2022 alle 12:25 :

    Potrebbe cortesemente esplicitare il concetto di "straordinaria opportunità di sviluppo"? Grazie Rispondi a Leopoldo Quinto

    Giovanni Alicino ha scritto il 15 gennaio 2022 alle 21:09 :

    È proprio fuori strada. Rispondi a Giovanni Alicino