Le dichiarazioni del prof. Nacci, coordinatore del corso, e della prof.ssa Cosima Damiana Calvano, andriese e presidente della Società Chimica italiana - sez. Puglia

Arriva anche all'Uniba il corso di laurea magistrale in Chimica industriale

Alle conoscenze indispensabili nel settore chimico si affiancheranno anche competenze nel settore del management e dell'economia, per costituire un profilo professionale a 360°

Attualità
Andria giovedì 23 giugno 2022
di Lucia M. M. Olivieri
Laboratorio di chimica Università di Bari
Laboratorio di chimica Università di Bari © AndriaLive

Tra scienza e industria chimica c’è un legame fortissimo: la scienza chimica studia le proprietà e le trasformazioni della materia, l’industria chimica acquisisce le conoscenze scientifiche e – attraverso l’attività di ricerca e innovazione – le rende disponibili sotto forma di tecnologie e prodotti che contribuiscono a migliorare il benessere e la qualità della vita. Per questo costituisce una grande opportunità per il nostro territorio l'attivazione dal prossimo anno accademico del corso di Laurea magistrale in Chimica industriale presso l'Università di Bari Aldo Moro: nella provincia di Barletta-Andria-Trani è presente una forte concentrazione di industrie tessili e calzaturiere, oltre al lattiero-caseario. Sono tutti settori dell'industria che richiedono personale specializzato, e a partire da settembre i giovani pugliesi non dovranno più spostarsi per acquisire le competenze non solo scientifiche, ma anche tecniche e manageriali per operare fattivamente nel tessuto industriale locale.

«Nasce nell'Ateneo Barese - spiega il coordinatore Angelo Nacci -, accanto ai corsi tradizionali di chimica pura, la laurea magistrale in Chimica Industriale. È il secondo corso di laurea di questa tipologia nel mezzogiorno dopo Napoli. Il corso di studi è stato chiesto a gran voce dalle aziende del settore chimico pugliese, un comparto in grande espansione che ha visto la nascita nelle ultime decadi di alcune centinaia di micro, piccole e medie imprese che operano sul suolo pugliese in comparti come gomma, plastica, adesivi, prodotti chimici di base, farmaceutici etc. Il triangolo industriale Bari-BAT, Brindisi-Taranto è quello che vede il maggior numero di aziende che si sono dichiarate entusiaste e pronte ad assorbire la nuova figura professionale del chimico industriale, percependola come più vicina ed aderente alle loro esigenze. Il plauso ed il gradimento per la nuova laurea arriva anche da grandi aziende che operano in Puglia come acciaierie d'Italia ed ENI, ma anche colossi internazionali come Fater Group e le organizzazioni rappresentative industriali come Federchimica e Confindustria». Nel nuovo corso di Laurea magistrale, alle conoscenze indispensabili nel settore chimico si affiancheranno anche competenze nel settore del management e dell'economia, per costituire un profilo professionale a 360°.

Un forte impulso al settore testimoniato anche dalla prof.ssa Cosima Damiana Calvano, andriese e presidente della Società Chimica italiana - sez. Puglia: «Come presidente della SCI Puglia sono molto soddisfatta della istituzione di questo nuovo corso di laurea in quanto la Puglia è tra le regioni più industrializzate dell'Italia meridionale nei settori dell’aerospazio, dell’automotive, dell'agroalimentare nonché del tessile. L'istituzione di questo corso risponde alle esigenze degli stakeholder pugliesi che sempre più richiedono figure con forti conoscenze di base in chimica, ma con competenze anche di impiantistica e di processo».

Insomma, una bella opportunità per i nostri giovani e per evitare la dispersione e la fuga dei cervelli che tanto grava sulla provincia Bat.

Lascia il tuo commento
commenti