Lunedì scorso la notifica del provvedimento al presidente dell’Ato, Nicola Giorgino

Discarica di San Nicola La Guardia chiusa, si teme blocco dei rifiuti

I motivi che hanno indotto la regione Puglia a ordinare la chiusura della discarica sono riconducibili alle anomalie nella raccolta del percolato ovvero del liquido prodotto dalle discariche

Attualità
Andria mercoledì 27 maggio 2015
di la redazione
Il sequestro della discarica Amiu di Trani
Il sequestro della discarica Amiu di Trani © n.c.

Dopo la discarica di Trani chiude anche la discarica di Andria.

Dopo una relazione dell'Agenzia regionale per l'ambiente, infatti, il dirigente ad interim dell'Ufficio regionale per l'autorizzazione integrata ambientale, Giuseppe Maestri, ha ordinato la chiusura della discarica ubicata in contrada San Nicola La Guardia, notificando lunedì scorso il provvedimento al presidente dell’Ato, Nicola Giorgino.

I motivi che hanno indotto la regione Puglia a ordinare la chiusura della discarica sono riconducibili alle anomalie nella raccolta del percolato ovvero del liquido prodotto dalle discariche. È questa anche uno delle cause che aveva portato alla chiusura della discarica di Trani. I tecnici dell’Arpa hanno anche notificato la mancata effettuazione delle ispezioni della falda e la constatazione di valori di ferro superiore alla norma. Inoltre, sembrerebbe superata di gran lunga la capacità di assorbimento dei rifiuti solidi (secco) proveniente da Andria che, ricordiamo, fa la raccolta differenziata.

A partire dalla notifica del provvedimento, il gestore della discarica ha cinque giorni per ottemperare alle prescrizioni della Regione: se, come tuttavia pare probabile, ciò non avvenisse, di fatto si dovrebbe fermare l'attività di raccolta dei rifiuti in tutta la Provincia Bat, considerando che alla discarica andriese fanno capo anche gli altri comuni della Provincia.

Dove saranno conferiti nel frattempo tutti i rifiuti? La domanda a oggi è senza risposta.

Lascia il tuo commento
commenti