“Altra normalità on the road”

Giornata della Solidarietà, coinvolte associazioni e disabili

Flash-mob, rappresentazione teatrale, spettacolo danzante: tutte le attività dei ragazzi "specialmente abili"

Attualità
Andria martedì 13 dicembre 2016
di Vincenza Rendine
Giornata della Solidarietà
Giornata della Solidarietà © n.c.

Quella di domenica 11 dicembre, in Viale Crispi, è stata una giornata all'insegna dell'allegria, della condivisione con ragazzi “specialmente abili”, come li ha definiti il presidente dell'associazione “Centro Zenith”, Antonello Fortunato. Si è festeggiata la Giornata Internazionale della disabilità, istituita il 3 dicembre del 1992 per promuovere una diffusa conoscenza sui temi della disabilità, per sostenere la piena inclusione dei disabili e valorizzare le loro abilità, allontanando qualsiasi forma di discriminazione e violenza.

Una mattinata “diversa”, vissuta, nel centro cittadino, in un clima prefestivo, tra addobbi, luci ed elfi; tante le manifestazioni, svariati gli stand di differenti associazioni e cooperative con manufatti realizzati dai ragazzi.

Tanti sono stati, anche, gli eventi creati per celebrare, con sinergia ed armonia, questa giornata di solidarietà in una domenica come tante: ragazzi con una carica stratosferica, che neanche il freddo ha fermato, si sono esibiti in un flash–mob sulle note di “Viva la Vida” dei Coldpaly. È partito improvvisamente, nel centralissimo Viale Crispi, un ballo collettivo coi ragazzi dell'associazione Neverland e con la partecipazione sentita dei clown dottori e della band che ha suonato e cantato gratuitamente per l’occasione, insieme a Gianni un ragazzo disabile.

Una carica di guantini colorati: a strisce, a pois, mani svolazzanti, tutte unite e scese in strada, per solidarietà. Un momento di entusiasmo generale: tutti hanno partecipato al flash-mob, anche alcuni rappresentanti dell’Amministrazione Comunale presenti all’evento, compreso il Sindaco della nostra città.

Il tutto seguito da una esilarante rappresentazione teatrale del centro Zenith, un viaggio immaginario, leggero ed ironico snodatosi lungo tutto lo Stivale. I ragazzi del centro, con tanto di zaino in spalla, partiti dalla lontana Milano, hanno incontrato i protagonisti dei romanzi della nostra letteratura come Romeo e Giulietta, i Promessi Sposi e tanti altri.

E, per concludere, uno spettacolo degno di lode col maestro Gianpaolo Brescia della scuola Monton de Estrellas che, grazie all’impegno profuso e alla dedizione con cui affronta il suo lavoro, ha deciso di portare sul parco Titty Ieva e Giovanni Simone, due ragazzi disabili, proprio per dimostrare quanto la forza di volontà prevalga sulla disabilità.

«Il risultato – commenta l'assessore alle Politiche Sociali, la dottoressa Elisa Manta - è stato quello di aver regalato a tanti emozioni allo stato puro. Sono artisti  - artisti al pari di tanti altri. E noi spettatori di strada abbiamo gioito insieme a loro. Il loro entusiasmo è entrato nei nostri cuori. Grazie ragazzi».

Sentita e percepita, da tutti, l'emozione, la felicità e l'entusiasmo dei ragazzi; grande la partecipazione e il coinvolgimento dei presenti, ma anche tanta la commozione e la gioia negli occhi di tutti gli spettatori, a dimostrazione di quanto, davvero, la voglia, la grinta e la sfida con noi stessi, debbano essere i principi cardine della vita di ciascuno.

Lascia il tuo commento
commenti