Sabato 22 settembre davanti al Municipio

Sit in di protesta contro i tagli ai servizi scolastici ad Andria

Organizzato dalla Uil Scuola Puglia: «Servizio di refezione scolastica, oltre 100 posti di lavoro a rischio: l’amministrazione comunale andriese dia risposte concrete»

Attualità
Andria martedì 18 settembre 2018
di La Redazione
Sit in protesta
Sit in protesta © n.c.

Un sit in per manifestare contro i tagli ai servizi scolastici: la Uil Puglia ha chiamato a raccolta il mondo della scuola per sabato 22 settembre davanti al Municipio per ottenere risposte dall'Amministrazione comunale.

«Come ormai noto, l’amministrazione comunale di Andria non da rassicurazioni alle scuole statali dell’infanzia e del primo ciclo, nonché alla cittadinanza, in merito alla erogazione del servizio di refezione scolastica.

Il Comune di Andria faccia chiarezza al più presto su come intende reperire i fondi per garantire servizi essenziali per la comunità, quali la refezione scolastica, l’assistenza specialistica e il trasporto.

L’anno scolastico è ormai cominciato e sarebbe inaccettabile far pagare ai lavoratori, alle famiglie e ai giovanissimi cittadini andriesi il conto salato e i disagi conseguenti alla nota situazione di bilancio.

Così sono a rischio oltre 100 posti di lavoro per sezioni a tempo normale e classi a tempo pieno già autorizzate e si mette in gioco l'offerta formativa andriese. La Puglia è già in fondo alla classifica nazionale per utilizzo del tempo pieno e ci chiediamo come possano verificarsi tali situazioni in una regione, premiata per il progetto "Diritti a scuola", in cui vengono meno i diritti essenziali per i cittadini più deboli ossia gli alunni. Ci auguriamo, quindi, che nelle prossime ore il primo cittadino e l’amministrazione forniscano risposte concrete alla collettività. La Scuola subisce già gli effetti delle pesanti penalizzazioni dovute a scelte scellerate dei governi passati, non è il caso che anche l’istituzione locale infierisca in questo modo.

Per queste ragioni, la nostra protesta continuerà sabato 22 settembre 2018 a partire dalle ore 10 con un sit in davanti alla sede del Municipio di Andria per rivendicare le opportune garanzie sulla erogazione del servizio di refezione scolastica e di altri servizi, di competenza comunale, eventualmente a rischio. Per tale occasione chiediamo sin d’ora che una delegazione sia ricevuta dal Sindaco».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Riccardo Nanni ha scritto il 18 settembre 2018 alle 15:10 :

    NIMBY E' l'acronimo inglese per Non nel mio giardino(più o meno). Metà Consiglio comunale vuole a ragione che il Comune risparmi per non dichiarare fallimento e quindi bisogna risparmiare tutti in accordo ma purche' non si tocchi ME. Ricordo che le mense scolastiche NON sono obbligatorie e che le scuole sono fatte per gli studenti e scolari NON per gli insegnanti e cooperative varie Rispondi a Riccardo Nanni

    Sabino Cannone ha scritto il 19 settembre 2018 alle 07:39 :

    "U'sazj na' grait au d'sciun" è un'acronimo andriese "il sazio non crede a quello che sta a digiuno". Il Marchese del Grillo o "portiere del Comune " come è stato definito ultimamente, aveva per anni messo la polvere sotto il tappeto, c'è voluta un'esperta di sanificazione ambientale per far venire a galla il "tanfo" finanziario dell'amm.ne. E comunque ci mandi il suo indirizzo che tutti i bambini dall'infanzia, alle elementari e medie li mandiamo al suo domicilio. Lei li formerà , li educherà, li sorveglierà e li controllerà. Buon lavoro! Rispondi a Sabino Cannone

    Riccardo Nanni ha scritto il 19 settembre 2018 alle 15:39 :

    Ha letto che le mense non sono obbligatorie?? Lei ed io portavamo il panino a scuola in piazza Pincerna.Ora la scuola serve più agli insegnanti che ai ragazzi Rispondi a Riccardo Nanni

    Riccardo Nanni ha scritto il 19 settembre 2018 alle 15:36 :

    Non limandi da nessuna parte. Ha letto che la mensa non è obbligatoria??? Rispondi a Riccardo Nanni

  • EI ha scritto il 18 settembre 2018 alle 13:05 :

    LE FAMIGLIE SONO STATE AVVISATE? LA SCUOLA, CHE FA? OLTRE AI LAVORATORI IMPIEGATI NEL SETTORE, QUALI SARANNO I DISAGI A CUI LE FAMIGLIE, ANDRANNO INCONTRO? FORZA GENITORI, SCENDETE IN PIAZZA ANCHE VOI A MANIFESTARE Rispondi a EI