Le foto

Il Parco dell'Alta Murgia ricorda Marco Pietralongo e Jacopo Di Bari

Premiati i vincitori del concorso per tesi di laurea in loro memoria nell'ambito del Festival della Ruralità 2018

Attualità
Andria mercoledì 05 dicembre 2018
di La Redazione
la premiazione
la premiazione © n.c.

Il Festival della Ruralità 2018, organizzato dal Parco Nazionale dell’Alta Murgia e da Legambiente Puglia dal 22 al 25 novembre 2018 alla Fiera di San Giorgio a Gravina in Puglia, è stato occasione per ricordare Jacopo Di Bari, 22 anni di Barletta, e Marco Pietralongo, 24 anni di Andria, due studenti del dipartimento di Biologia dell’Università di Bari, volontari del WWF Andria e della Croce Rossa e appassionati di fotografia ambientale, deceduti il 23 settembre 2016 in un incidente stradale mentre si recavano in una delle aziende agro-zootecniche che ospitavano la quarta edizione del Festival della Ruralità.

Il Parco Nazionale dell’Alta Murgia, su iniziativa dell’intero Consiglio Direttivo e con il patrocinio dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” e dell'Istituto Superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale (ISPRA), ha deciso di istituire, in loro onore, una borsa di studio dell’ammontare di 2.000 euro per premiare tre tesi di laurea conseguite presso tutti i Dipartimenti di Biologia/Scienze Naturali o Scienze Ambientali triennale e/o Magistrale e/o lauree equipollenti d’Italia che trattino lo studio e l’osservazione delle componenti biotiche caratterizzanti il territorio Italiano e del Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

I premi sono andati a Maria Grazia Mastronardi, di Alberobello, laureata in Gestione e Sviluppo Sostenibile dei Sistemi Rurali Mediterranei presso l’Università degli Studi di Bari, con una tesi, svolta nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia, sulla valutazione della diversità di lepidotteri appartenenti alla famiglia Papilionoidea in differenti habitat di interesse conservazionistico; Rosangela Addesso, di Auletta, in provincia di Salerno, laureata in Scienze Ambientale presso l’Università degli Studi di Salerno, con una tesi sulle vermicolazioni della Grotta di Pertosa-Auletta, aventi un ruolo importante nei cicli biogeochimici e di decomposizione nella necromassa; Luca Deiana, di Cagliari, laureato in Scienze e Tecniche per l’Ambiente presso l’Università degli Studi di Cagliari, con una tesi svolta nel Sito di Interesse Comunitario di “Punta S’Aliga” Portoscuso, in Sardegna, lungo la costa d’Iglesiente.

Le loro tesi, in modo diverso, offrono un contributo significativo alla conoscenza del valore naturalistico dei territori, alla ricostruzione del loro quadro storico evolutivo e alla predisposizione di piani di tutela per gli stessi.

Alla cerimonia di premiazione sono intervenuti i genitori di Jacopo, Giuseppe Di Bari e Anna Belgiovine, e Marco, Michele Pietralongo e Teresa Guglielmi, che hanno consegnato il riconoscimento ai vincitori che, con i loro studi, contribuiscono a tenere vivo il ricordo dei due ragazzi e a portare avanti le loro passioni.

Lascia il tuo commento
commenti