L’analisi

Non è un paese per giovani: chiude i battenti l’Officina San Domenico

Chiusa l’Officina, chiude quello che praticamente era l’unico contenitore culturale pubblico a disposizione soprattutto dei giovani. Dell’ex macello nulla si sa ancora. Rimane qualcosa?

Attualità
Andria lunedì 04 marzo 2019
di Lucia M. M. Olivieri
Officina san Domenico chiusa
Officina san Domenico chiusa © Google

Non è un paese per giovani: non vogliamo recensire un film che un paio d’anni fa approdava nelle sale italiane, ma descrivere la situazione andriese partendo da un dato oggettivo, e cioè che da pochi giorni l’Officina San Domenico ha (si spera temporaneamente) chiuso i battenti perché nessuno ha presentato offerte per gestirla, neppure l’ultima società concessionaria.

Perfino Google la riporta “chiusa definitivamente”: viene a mancare sul territorio cittadino un luogo che ha ospitato tantissimi eventi, concerti, teatro, convegni. Il fabbricato, la cui ristrutturazione era finanziata dal programma Bollenti Spiriti della Regione Puglia, doveva diventare un centro polifunzionale di aggregazione giovanile, comprendente spazi per lo sviluppo e la gestione di attività culturali, della comunicazione e del tempo libero. E ora?

In primo luogo, segnaliamo la difficoltà di molti che avevano programmato appunto di tenervi alcune manifestazioni anche nell’immediato.

Ma è su un altro punto che vogliamo concentrare l’attenzione: chiusa l’Officina, chiude quello che praticamente era l’unico contenitore culturale pubblico a disposizione soprattutto dei giovani. Dell’ex macello nulla si sa ancora. Rimane qualcosa?

Forse soprattutto l’amarezza di pensare che l’evento “culturale” di punta di questi giorni sarà il concerto di Daniele De Martino, il cui “merito” sono 37 milioni di visualizzazioni. Se non si cambia rotta e non si inizia ad intendere la cultura nel suo potenziale economico, ad organizzare un management serio per cui un contenitore come l’Officina possa essere conteso e non abbandonato, il presente e il futuro sono grigi della nebbia dell’ignoranza, che più di qualsiasi arma affossa tutte le generazioni.

Lascia il tuo commento
commenti