Il fatto

La bufala degli ecocompattatori, mai entrati in funzione

La notizia di un atto vandalico è solo la "ciliegina sulla torta": beni pubblici, costati quasi 160mila euro, mai messi in funzione, subiscono il peso del disinteresse, dell'incuria e dell'inciviltà

Attualità
Andria martedì 12 marzo 2019
di La Redazione
eco compattatore vandalizzato
eco compattatore vandalizzato © n.c.

Era luglio 2018 quando una ditta del trevigiano, la Eurven per l'esattezza, leader in Italia nella progettazione e produzione di sistemi per la riduzione del volume dei rifiuti, ci scriveva puntualizzando l'errata comunicazione in materia di eco compattatori, specificando che queste sono macchine che riducono il volume dei rifiuti conferiti quando invece quelle posizionate in alcuni punti ad Andria sono semplicemente dei contenitori che accolgono rifiuti ma che di fatto non compattano.

Questa premessa serve a introdurre un fatto tra quelli che ormai non ci stupisce più, della nostra città: negli scorsi giorni è stato vandalizzata una di queste apparecchiature, che dovrebbero servire a raccogliere i rifiuti riciclabili e dare in cambio buoni sconto da utilizzare nei supermercati. Una misura all’avanguardia per favorire il miglioramento della raccolta differenziata, con un riconoscimento economico che sarebbe stato attribuito a chiunque avesse conferito bottiglie e lattine in quei compattatori.

C'è da specificare che dopo l'accensione (per l'inaugurazione) di queste macchine, in realtà non vi è stata più notizia sul loro funzionamento: anzi, in alcuni casi non è stato possibile neppure posizionarle, come da progetto, all'esterno dei supermercati aderenti. Nonostante quanto annunciato nell'aprile 2018 in una conferenza stampa per la stipula della convenzione presso la sala Giunta del Comune di Andria, alla presenza del Sindaco Giorgino, l’ass. Lopetuso e di un delegato della Megamark.

Abbiamo pensato che il progetto dovesse andare a regime da un momento all'altro e che ci sarebbero voluti alcuni mesi per testarlo effettivamente. Dal giorno dell'inaugurazione tuttavia abbiamo ricevuto diverse segnalazioni in merito al mancato funzionamento degli stessi, pertanto abbiamo ritenuto opportuno fare il punto sulla questione

La notizia dell'atto vandalico è solo la "ciliegina sulla torta": beni pubblici, costati quasi 160mila euro, mai messi in funzione, subiscono il peso del disinteresse, dell'incuria e dell'inciviltà. É mancata una vera campagna di comunicazione e sensibilizzazione, forse proprio perché non si è arrivati neppure alla messa in funzione. Ma, si sa, ad Andria abbondano le inaugurazioni ma scarseggiano le opere vere.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Fabio Storelli ha scritto il 12 marzo 2019 alle 14:50 :

    le solite cose all'italiana...la cosa peggiore è che coinvolgono i privati con grandi perdite di tempo e denaro. No comment Rispondi a Fabio Storelli

  • savino ha scritto il 12 marzo 2019 alle 12:07 :

    i protagonisti di tutto questo si diano un aggettivo....................., incapaci???????? Rispondi a savino

  • Giovanni Alicino ha scritto il 12 marzo 2019 alle 12:01 :

    Forse serviranno x compattare gli amministratori Comunali. Rispondi a Giovanni Alicino

    sabino cannone ha scritto il 13 marzo 2019 alle 11:08 :

    Totò diceva " è più facile far piangere che ridere". E' verissimo, grazie Giovanni, ah,ah,ah,ah stò scombisciando dalle risate. Rispondi a sabino cannone

  • e.i. ha scritto il 12 marzo 2019 alle 11:13 :

    Le solite cose degli andriesi. mancata soprattutto la divulgazione e poi ....come al solito soldi nostri buttati via e la nostra inciviltà va sempre premiata. Mi vergogno ...... Rispondi a e.i.