Due diverse denunce: una riguardante via Porta Nuova e via Manthoné e l'altra riguardante​ piazza Soffici, situata di fronte al Liceo "Troya"

Quelle strisce blu che scontentano tutti...

In via Porta Nuova, creano più problemi che agevolazioni alla mobilità sostenibile che dovrebbero facilitare; in piazza Soffici, sembrano un "affronto" ai mercatali, già in crisi nera

Attualità
Andria martedì 09 aprile 2019
di La Redazione
Quelle strisce blu che scontentano tutti...
Quelle strisce blu che scontentano tutti... © n.c.

Un piano di revisione degli stalli a pagamento che scontenta praticamente tutti, tranne l'amministrazione comunale: è quanto sta emergendo da una serie di denunce e proteste messe in atto negli ultimi giorni mentre le strade della città stanno acquisendo il tipico colore blu.

Ritorniamo sull'argomento prendendo come spunto due diverse denunce: una riguardante via Porta Nuova e via Manthoné e l'altra riguardante piazza Soffici, situata di fronte al Liceo "Troya".

Nel primo caso la segnalazione parte da un lettore, che sottolinea quanto "irrispettose" siano le strisce blu su via Porta Nuova: «Come si vede dalle foto - spiega - nella zona esistono abitazioni con gradini che arrivano praticamente sulla strada: posizionando gli stalli a pagamento in corrispondenza di queste case, come dovrebbe passare un disabile sulla sedia a rotelle o una mamma con un passeggino? E i residenti come dovrebbero entrare in casa? Saltando sul cofano delle auto? Ma chi sceglie i luoghi in cui dipingere le strisce blu un sopralluogo qui l'ha mai fatto?». Effettivamente, come si evince dalle testimonianze fotografiche, paradossalmente le strisce blu su quel tratto di strada creano più problemi che agevolazioni alla mobilità sostenibile che dovrebbero facilitare.

Ma la protesta riguarda anche piazza Soffici nei pressi del Liceo Troya, dove il comune ha deciso di istituire la zona a pagamento per la sola giornata del lunedì, dalle ore 8.30 alle 13.30. Un "affronto" che non va giù agli ambulanti del mercato né ai consumatori. A ribellarsi sono le due associazioni rappresentative UniBat e CasAmbulanti che hanno anche avviato una petizione tra gli stessi ambulanti e che, dalla prossima settimana, coinvolgerebbe anche i consumatori che si sentono beffati.

Savino Montaruli, a nome delle due associazioni di categoria, ha dichiarato: «Una decisione assurda assunta in piena autonomia dal comune di Andria, mai concordata ed assolutamente inaccettabile. Non so cosa ne pensino i soci dell’amministrazione comunale ma le nostre associazioni sono fortemente contrarie ad un provvedimento che determinerebbe il definitivo declino di un mercato già distrutto, portato allo stremo e trascurato. Il prossimo giovedì 18 aprile, alle ore 16,00, si terrà una riunione presso l’ufficio commercio in Largo Grotte, convocata dall’assessore Matera, ed in quella sede chiederemo venga anche chiarito il senso di quest’altra azione vessatoria e deleteria che colpisce al cuore il mercato di Andria già in profonda agonia. Se l’intento è quello di far chiudere il mercato che lo si dica subito. Di sicuro noi non staremo a guardare e lunedì prossimo parte anche la petizione tra i consumatori che già lunedì 8 aprile, alla sola vista di quelle strisce blu, hanno dato segnali di esagitazione e di malcontento. Quando è troppo è davvero troppo».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Vincenzo ha scritto il 18 aprile 2019 alle 06:13 :

    Hanno fatto anche le strisce blu sulle fermate autobus di via Ferrucci e viale Venezia Giulia. Rispondi a Vincenzo

  • C.P. ha scritto il 09 aprile 2019 alle 21:30 :

    Vivo da vent'anni nella zona e non ho mai visto le aree che adesso sono a pagamento, libere da automobili. Quando i parcheggi non erano a pagamento nessuno si è mai preoccupato di disabili, mamme con i passeggini o di residenti che non riuscivano neanche ad uscire di casa, forse perchè era conveniente. L'amministrazione non sta facendo un buonissimo lavoro, però anche noi non siamo dei santi! Rispondi a C.P.

  • Riccardo ha scritto il 09 aprile 2019 alle 16:27 :

    Oramai questa "Amministrazione" non sa piu' da dove "Scippare" i soldi ai cittadini mettendo gli stalli anche davanti alle abitazioni senza tener conto soprattutto degli anziani.Addirittura anche in via Pendio San Lorenzo dove era gia' insostenibile causa in alcuni punti l'assenza di marciapiedi adesso spuntano anche li' strisce blu sull'unico lato parcheggiabile.....Cari Sindaco assessore adesso avete rotto...... Rispondi a Riccardo

  • savino ha scritto il 09 aprile 2019 alle 07:15 :

    siamo alla ben oltre il dolce, se questo è il modo di governare la città in modo civile rispettando tutti i cittadini e non solo una parte, il politico ripeto il POLITICO è un soggetto delegato ripeto DELEGATO dal popolo ad amministrare al meglio la città nell'interesse di tutta la comunità, quindi colui che non è in grado di adempere a tale dovere si faccia da parte E LASCI FARE A CHI HA VERAMENTE A CUORE LE SORTI DELLA CITTA'. Rispondi a savino

  • e.i. ha scritto il 09 aprile 2019 alle 06:52 :

    Vero è che le strisce blu stanno creando scompiglio, vero è anche il fatto che si parcheggiava anche prima dove la blu crea ora scompiglio e disagio, vedi foto.... Rispondi a e.i.

    Leonebiancazzurro ha scritto il 09 aprile 2019 alle 07:52 :

    Giusto si parcheggiava anche prima. Ma prima i vigili ti facevano la multa in quel tratto di curva. Cmq. assurdo fare le strisce blu sotto i gradini delle case. Dove sono i tecnici che hanno consentito quei lavori? Rispondi a Leonebiancazzurro

  • Giovanni Alicino ha scritto il 09 aprile 2019 alle 06:35 :

    Si dovrebbe tingere la faccia del Sindaco blu con tutta la sua amministrazione anzi, affogarli tutti nel colore blu. Rispondi a Giovanni Alicino