La nota

Ipotesi Andria commissariata, le Libere Associazioni Civiche: «Pausa amministrativa necessaria»

«Una fase commissariale che servirebbe a (inter)rompere bruscamente tutto ciò che potrebbe accadere fino al prossimo anno, qualora questa amministrazione comunale decidesse di restare separata in casa a vivacchiare del nulla»

Attualità
Andria mercoledì 17 aprile 2019
di La Redazione
Comune di Andria - palazzo di città
Comune di Andria - palazzo di città © AndriaLive

«Una pausa amministrativa gestita da una commissione straordinaria, nominata dal Ministero dell’Interno, sarebbe la soluzione auspicata dai cittadini ma anche da una significativa parte del mondo associazionistico». Così esordisce la nota diramata da Libere Associazioni Civiche Andriesi.

«Una fase commissariale che, come accaduto in passato, possa anche lasciare segni molto positivi in una città dove non c’è assolutamente nessun processo virtuoso che possa o che rischi di essere interrotto, vista l’assenza pressoché totale di politiche dello Sviluppo, Occupazionali, Amministrative, Turistiche, Culturali e di Opere necessarie alla comunità.

Una fase commissariale che servirebbe a (inter)rompere bruscamente tutto ciò che potrebbe accadere fino al prossimo anno, qualora questa amministrazione comunale decidesse di restare separata in casa a vivacchiare del nulla.

Una fase commissariale che rappresenterebbe non solo un enorme beneficio di risparmio economico per le casse comunali ma soprattutto una riorganizzazione interna di uffici, corpo dirigenziale e revisione logistica, amministrativa e contabile.

Una fase commissariale evidentemente non gradita a chi ancora oggi gode di privilegi al punto che tutte le cartucce da sparare sono ormai in fase di esaurimento.

Andria si ferma per ripartire. Questo potrebbe essere lo slogan che deve accompagnare il senso di responsabilità che, nella serata di mercoledì 17 aprile 2019, di comune accordo ed intesa, consegnerebbe le chiavi di Palazzo San Francesco nelle mani del Prefetto, al fine di evitare anche il consumarsi di una campagna elettorale “di Palazzo” che potrebbe , quella si, devastare ancor di più le condizioni di un Ente che era ed è stato primo in tutto; una città che oggi, invece, viene dichiarata ultimo in tutto, ma sempre ai primi posti in ciò che non dovrebbe esserlo».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Tursi Gisnfranco ha scritto il 17 aprile 2019 alle 11:32 :

    Sono convinto!!! Anzi inviterei su social far un sondaggio da questo momento per dire tutti coloro che vogliono il loro pensiero democratico dei nostri concittadini Andriesi per far capire questa democrazia cosa pensa ora!!!! Rispondi a Tursi Gisnfranco