L'incuria dell'area verde tra le più grandi della Città

Erba alta invade il Parco “Cardinale Ursi”

Intanto sono anche presenti, nella parte esterna, staffe che ospitavano impianti pubblicitari abusivi e che, una volta demoliti, non sono state rimosse, diventando un pericolo per i pedoni

Attualità
Andria mercoledì 15 maggio 2019
di Michele Lorusso
Foto dell'incuria in cui versa il parco
Foto dell'incuria in cui versa il parco "Cardinale Ursi" © AndriaLive

Il 21 novembre scorso, durante la “Festa dell’albero”, nel parco “Cardinale Ursi” (zona INPS), sono stati piantumati 50 alberi di melograno e di paulonia, donati dall'Arif (Agenzia Regionale Attività Irrigue e Forestali) e dal Rotary Club di Andria "Castelli Svevi".

Un giorno di festa per ricordare l’importanza del verde e degli alberi che non oltre alla funzione “decorativa”, svolgono anche un importante compito per la regolazione del microclima e la purificazione dell’aria che respiriamo.

Un bel messaggio per diffondere quella cultura del verde che manca nella nostra comunità.

Peccato che quel messaggio sia rimasto tale soltanto durante quella giornata e non sia stato coltivato nel tempo.

Infatti, a oggi, a distanza di mesi dalla piantumazione, quegli alberi e l’intera area sono stati quasi sommersi dall’incuria di chi avrebbe dovuto prendersi cura di quel parco e dagli incivili. Erba alta, stato di degrado e abbandono la fanno da padrona.

Oltre a ciò, anche esternamente allo stesso parco la situazione non è delle migliori. A parte l’erbaccia sempre più presente, va segnalata la presenza di staffe che fuoriescono dalla sede in cui erano installati gli impianti pubblicitari abusivi e, una volta demoliti, non sono state livellate e tappate con del cemento, rappresentando un serio pericolo per i pedoni. Staffe di ferro che fuoriescono dalla base dei marciapiedi, purtroppo, sono disseminati in diverse parti della città e non solo all'uscita del parco Cardinale Ursi...

La situazione, purtroppo, riguarda la maggior parte dei parchi cittadini e non solo. Ci sono zone, aiuole e piccoli spazi verdi disseminati in città che versano in condizioni di incuria e degrado; la stagione estiva è alle porte (si spera ndr) e non vorremmo che le erbacce rigogliose che costeggiano anche i marciapiedi siano una minaccia per i primi incendi con l'arrivo del caldo. Auspichiamo interventi urgenti per ristabilire il decoro del verde pubblico e per poter tornare ad usufruire in sicurezza dei parchi, in particolare quelli attrezzati con i giochi per i più piccoli.


Lascia il tuo commento
commenti