La novità

Chiude ad Andria il ristorante stellato Umami

Dopo quasi 9 anni dalla sua inaugurazione si scioglie la società. Lo chef Felice Sgarra già al lavoro con i suoi fratelli per ripartire dal territorio della sesta provincia con una nuova sfida enogastronomica

Attualità
Andria martedì 15 ottobre 2019
di Sabino Liso
il ristorante Umami
il ristorante Umami © n.c.

Il Ristorante stellato “Umami” chiude la sua sede di via Trani 103. La notizia era già di dominio pubblico dal momento che ormai erano mesi che lo stesso risultava chiuso al pubblico.

Incompatibilità con la proprietà del locale, la motivazione alla base che ha portato i soci a sciogliere la società.

Sul profilo facebook si legge quanto segue: «Dopo quasi 9 anni dalla sua inaugurazione del febbraio 2011, il ristorante UMAMI chiude la sua sede storica che tanto ha dato in termini di lustro alla città di Andria grazie al riconoscimento della Stella Michelin ricevuta nel 2013 e ancora rinnovata. Ringraziamo tutte le persone che hanno condiviso questa lunga esperienza, in particolare tutti i clienti che hanno avuto fiducia nel nostro progetto di sviluppo in questo territorio della cultura dell'eccellenza gastronomica. Auspichiamo che questo patrimonio non vada disperso e che siano sempre più numerosi i giovani pronti a scommettere sul futuro di un settore che potrà ancora fare tanto per la nostra terra. Noi, da parte nostra, confidiamo di ripartire con ancora più slancio in altre sedi più accoglienti!»

Intanto, della oramai vecchia compagine, lo chef stellato Felice Sgarra, affiancato dai suoi fratelli, è già all’opera e garantisce di svelare a breve verso quali nuovi porti sicuri stia direzionando la sua brigata: «Penso all’amore per il mio territorio e a quanto ancora può esprimere in termini di accoglienza nel campo dell’alta ristorazione. Voglio ripartire con basi solide: i miei fratelli. Ho le idee chiare su cosa offrire ai clienti, quelli fidelizzati e coloro che presto potranno diventarlo; esperienze enogastronomiche impareggiabili e sostanziali. Non perderemo di mira la grandezza di questa immensa terra scolpita tra collina e mare con i suoi meravigliosi “frutti”. Sono carico, motivato, appassionato e soprattutto fortunato: sono pugliese!»

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Anna Mansi ha scritto il 15 ottobre 2019 alle 21:34 :

    Spero con tutto il ❤Che UMAMi possa rivivere nella nostra città Non dimenticherò mai l'esperienza vissuta Non un pranzo Un sogno🌟 Rispondi a Anna Mansi