L'intervista alla Dirigente Scolastica

I piccoli alunni della "Cotugno" eseguono l'inno nazionale nella lingua dei segni

Ieri, durante la celebrazione che simboleggia l'unità italiana e il rispetto per le Forze Armate, la speciale esibizione nata col fine di favorire l'inclusione di tutti gli studenti della comunità scolastica

Attualità
Andria martedì 05 novembre 2019
di Lucia M. M. Olivieri
I piccoli alunni della
I piccoli alunni della "Cotugno" eseguono l'inno nazionale nella lingua dei segni © n.c.

Una celebrazione che simboleggia l'unità italiana dopo tanti secoli di frammentazione e guerre: si è tenuta ieri la Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate. In questa data, infatti, l'Italia ricorda l'Armistizio di Villa Giusti - entrato in vigore il 4 novembre 1918 - che consentì agli italiani di rientrare nei territori di Trento e Trieste, e portare a compimento il processo di unificazione nazionale iniziato in epoca risorgimentale.

Il 4 novembre terminava anche la prima guerra mondiale. Per onorare i sacrifici dei soldati caduti, il 4 novembre 1921 ebbe luogo la tumulazione del "Milite Ignoto", nel sacello dell'Altare della Patria a Roma. Con il Regio decreto n.1354 del 23 ottobre 1922, il 4 novembre fu dichiarato Festa nazionale.

Così ieri anche Andria ha commemorato i caduti durante il primo conflitto mondiale con un evento particolare, per accendere i riflettori anche sul tema dell'inclusione: gli alunni del 3° circolo "Cotugno" infatti hanno eseguito l'inno di Mameli con la LIS, la lingua dei segni. Una nuova iniziativa su impulso della Dirigente Scolastica e il supporto delle docenti della scuola, col fine di favorire l'inclusione di tutti gli studenti della comunità scolastica: per non pesare sulle casse comunali, hanno provveduto anche a portare l'impianto audio per favorire la realizzazione della manifestazione.

Nella lingua dei segni l'Inno di Mameli è ancora più emozionante, soprattutto se a interpretarlo sono i piccoli cittadini del futuro, attenti al sentimento dell'amore per la propria patria e per tutti i suoi cittadini.

Nel video l'intervista alla Dirigente Dora Guarino.

Lascia il tuo commento
commenti